Giovedì, 21 Ottobre 2021

Milano, giovane nonna coraggiosa sventa il rapimento di una bambina

Un malvivente ruba un'automobile e non si accorge che sui sedili posteriori c'è una bimba. I genitori della piccola iniziano a gridare e una donna di 62 anni, casalinga e nonna, non ci pensa un attimo e interviene: a raccontare tutto è il Giorno

Una nonna giovane e molto coraggiosa. Milano applaude Chiara Porro. E' Il Giorno a raccontare cosa è successo a Quarto Cagnino.

Un malvivente ruba un'automobile e non si accorge che sui sedili posteriori c'è una bimba. I genitori della piccola iniziano a gridare e una donna di 62 anni, casalinga e nonna, non ci pensa un attimo.

Si precipita fuori dal cancello e inizia a battere contro il finestrino della vettura. Il malvivente, un italiano di circa 30 anni, decide allora di scendere e scappare a piedi. La bambina sta bene e il quartiere di Quarto Cagnino ringrazia Chiara Porro.

Lei spiega di non aver avuto esitazioni: "Ho solo seguito il mio istinto. Lo rifarei, io non ho paura. E poi, per me, i bambini sono sacri. Ma non ho fatto nulla di eccezionale, solo quello che andava fatto". 

Chiara Porro non conosceva personalmente i genitori e la bambina, ma quando ha sentito gridare "la bambina, la bambina" è corsa in strada ed è intervenuta. Il furto è avvenuto mentre i due stavano spostando da un'auto a un'altra alcuni bagagli. Probabilmente il ladro non si era accorto che a bordo ci fosse la piccola.

"Per me, i bambini sono sacri. Ma non si dica che ho compiuto qualcosa di eccezionale: ho fatto quello che andava fatto" dice al Giorno.

Fonte: Il Giorno →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, giovane nonna coraggiosa sventa il rapimento di una bambina

Today è in caricamento