rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022

Usa: anche il repubblicano Clint Eastwood a favore delle nozze gay

Sul fronte dei matrimonio gay fa un passo deciso anche l'amministrazione di Barack Obama, che ha ufficialmente sostenuto il matrimonio omosessuale in un documento presentato alla Corte suprema degli Stati Uniti

Clint Eastwood ha unito la sua voce a quella di centinaia di repubblicani che si definiscono moderati e conservatori per chiedere alla Corte suprema di abolire il divieto sulle nozze gay in vigore in California. La Corte si pronuncerà sulla 'Proposition 8' della California il prossimo 26 marzo.

L'appello, lanciato dalla Fondazione americana per uguali diritti, sottolinea che "la Costituzione vieta di negare alle coppie dello stesso sesso l'accesso ai diritti e alle responsabilità legali derivanti dall'istituzione del matrimonio civile". Oltre a Eastwood, l'appello è stato sottoscritto anche da ex funzionari dell'amministrazione di George W. Bush, da ex governatori, così come dagli ex candidati repubblicani alla presidenza, ossia Mitt Romney e John McCain.

E' nota da tempo la fede repubblicana di Eastwood che, all'ultima campagna elettorale, ha sollevato un acceso dibattito con il suo colloquio a una sedia vuota rappresentante il Presidente Barack Obama, durante la convention dei repubblicani.

Sul fronte dei matrimonio gay fa un passo deciso anche l'amministrazione di Barack Obama, che ha ufficialmente sostenuto il matrimonio omosessuale in un documento presentato alla Corte suprema degli Stati Uniti. La Corte è chiamata ad esaminare, il prossimo 26 marzo, il ricorso presentato contro la 'Proposition 8' della California, che vieta le nozze tra persone dello stesso sesso; il 27 marzo, la Corte dovrà quindi pronunciarsi sulla costituzionalità della legge del 1996, che definisce il matrimonio come l'unione tra uomo e donna.

Nel documento depositato alla Corte, il Dipartimento di giustizia ha chiesto che la Proposition 8 della California venga abolita perchè viola il 14esimo Emendamento della Costituzione Usa, che riconosce uguali diritti a tutti i cittadini. "Durante la storia siamo stati testimoni delle ingiuste conseguenze di decisioni e politiche basate sulla discriminazione - ha ammonito il Segretario alla Giustizia Eric Holder - le questioni sollevate in questo caso davanti alla Corte suprema non sono importanti solo per decine di migliaia di americani a cui vengono negati uguali diritti e uguali benefici dalla legge, ma per tutta la nazione".

Al momento le nozze omosessuali sono legali a Washington e in nove Stati americani, quali Connecticut, Iowa, Maine, Maryland, Massachusetts, New Hampshire, New York, Vermont e Washington.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usa: anche il repubblicano Clint Eastwood a favore delle nozze gay

Today è in caricamento