Giuseppe Conte, il Movimento 5 stelle fa quadrato intorno al premier: "Sostituirlo? Fantascienza"

Alfonso Bonafede: "Per me parlare di un cambio del governo è pura fantascienza. Basta ascoltare gli italiani per rendersi conto di quanto venga apprezzato il premier grazie al lavoro incredibile che ha portato avanti in questi mesi assieme alla maggioranza"

Il Movimento 5 stelle fa quadrato intorno al premier Giuseppe Conte. "Oggi uno dei punti di forza di questo governo è proprio il calore dei cittadini italiani che in questi mesi difficili hanno dimostrato di apprezzare il lavoro che stiamo portando avanti e questo per noi è molto importante. E lasciamo stare la prima Repubblica. Nella terza Repubblica quello che conta è il tuo lavoro. È fuori discussione che il premier abbia lavorato e stia lavorando benissimo, e stia portando il nome del nostro Paese in alto a livello internazionale. L'Italia, soprattutto nell'ultimo anno, è un Paese che viene preso come punto di riferimento a livello mondiale". Lo afferma Alfonso Bonafede, ministro della Giustizia in un'intervista al quotidiano 'La Repubblica'.

"Per me parlare di un cambio del governo è pura fantascienza. Basta ascoltare gli italiani per rendersi conto di quanto venga apprezzato il premier grazie al lavoro incredibile che ha portato avanti in questi mesi assieme alla maggioranza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ho il privilegio - continua il ministro della Giustizia - di essere il capo delegazione M5S nel governo e di partecipare a quasi tutte le riunioni più ristrette e sono onorato di sedere al tavolo dove c'è una regola sovrana: lavorare a testa bassa per gli italiani e per uscire dalla crisi". "Rispetto le opinioni di tutti, ma dobbiamo dirci la verità. In questi decenni la riforma della diminuzione dei parlamentari - evidenzia Bonafede - è stata invocata da tutti. È stata votata con una maggioranza oceanica in Parlamento. Adesso siamo a un passo dal risultato che in tanti pensavano che non sarebbe stato raggiunto. Ed è un passo fondamentale per allineare la nostra democrazia in termine di rappresentatività e di funzionamento a tutte le democrazie moderne. Non vedo affatto uno Zingaretti in imbarazzo. Lui chiede che venga rispettato uno degli impegni presi al momento della formazione del governo. M5s ha confermato la volontà di arrivare a scrivere una legge elettorale in tempi brevi. E stiamo lavorando per realizzarlo. Ciò non toglie che il sì alla riforma sia, secondo me, sacrosanto".

Fonte: La Repubblica →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento