Coronavirus, Conte è sicuro: "Non ci sarà un nuovo lockdown, l'Italia deve correre in sicurezza"

"Siamo fiduciosi di poter affrontare l'autunno con prudenza ma senza limitare le attività economiche": il retroscena pubblicato dal Corriere della Sera

Il premier Giuseppe Conte, foto Ansa

In Italia si sta registrando un aumento dei contagi da coronavirus che Palazzo Chigi tiene costantemente sotto osservazione, ma che al momento non lascia presagire scenari simili a quelli della Francia. E se il presidente francese Emmanuel Macron non esclude la possibilità di un secondo lockdown nazionale, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte - svela il Corriere della Sera in un retroscena pubblicato a firma di Alessandro Trocino - ribadisce di non riscontrare alcuna prospettiva di una nuova chiusura completa delle attività.

Il giudizio del premier, secondo il Corriere della Sera, si basa sul fatto che all’aumento dei casi non corrisponde per ora quello dei ricoveri. Un secondo lockdown è quindi da escludere, scuola e attività economiche non si fermeranno. "Con il nostro sistema siamo fiduciosi di poter affrontare l’autunno con prudenza ma senza limitare le attività economiche - sono le parole attribuite a Conte -. Dobbiamo rispettare le minime regole precauzionali vigenti che ci consentiranno di assecondare la ripresa che si è già manifestata nei mesi scorsi, come certificato dall’Istat. Il Paese deve correre in sicurezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo gli uffici di Palazzo Chigi, si è "fin qui lavorato in modo metodico, nel segno della precauzione. Siamo gli unici ad aver elaborato un meccanismo di monitoraggio della curva del contagio sofisticato, basato su 21 parametri che restituiscono un’analisi del rischio dettagliata, che scende in valutazioni territoriali anche molto circoscritte". 

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento