Domenica, 11 Aprile 2021

Coronavirus, il sospetto del medico di terapia intensiva: "Un caso in Francia già dal 27 dicembre"

Lo sostiene il capo dell'unità di terapia intensiva degli ospedali Avicennes di Bobigny e Jean-Verdier di Bondy. Intervistato da Franceinfo, il professore spiega di aver ripreso i test PCR realizzati tra dicembre e gennaio su una cinquantina di pazienti con polmonite

Che il coronavirus circoli da più tempo di quanto ipotizzato in un primo momento all'interno dei confini europei è sempre più probabile. Un caso di Covid-19 in Francia risalirebbe addirittura al 27 dicembre scorso. Secondo i report ufficiali, i primi casi di coronavirus confermati dalle autorità francesi risalgono a fine gennaio. Secondo quanto riportato invece da Franceinfo, ci potrebbe essere stato un caso di Covid-19 in Francia addirittura a partire dal 27 dicembre scorso. Lo sostiene il capo dell'unità di terapia intensiva degli ospedali Avicennes di Bobigny e Jean-Verdier di Bondy.

Intervistato da Franceinfo, il professore Yves Cohen ha raccontato di aver ripreso i test PCR (analisi del sangue specifica e ottimo indicatore che porta ad indagare la situazione clinica, ndr)  realizzati tra dicembre e gennaio su una cinquantina di pazienti con polmonite, scoprendo che uno di loro, riguardante un uomo di una cinquantina d'anni, era positivo al coronavirus.

"Il 24% dei pazienti che avevamo sottoposto a test avevano una storia che poteva corrispondere a quella del Covid-19 - ha spiegato Cohen - abbiamo rifatto i test PCR che avevamo eseguito per altra diagnosi con l'intento di trovare tracce di coronavirus. E di questi 14 pazienti uno è risultato positivo. Abbiamo eseguito due volte il test per essere certi che non vi fossero errori. E tutte e due le volte l'esito è stato positivo".

Il paziente è stato quindi richiamato ed è emerso che anche i suoi due figli in seguito erano stati contagiati dal coronavirus, ma non la moglie. Oggi l'uomo "sta bene, è guarito, come i suoi figli". Ma secondo il professore questo dimostra che "il Covid-19 era in Francia già a dicembre" e che è "importante svolgere un'indagine epidemiologica".

Per settimane si è pensato che un uomo di 33 anni di Monaco, in Germania, potesse essere stato il primo europeo ad aver contratto l'infezione del nuovo coronavirus e ad averla trasmessa. Lo comunicava una lettera di medici tedeschi pubblicata sul New England Journal of Medicine del 5 marzo. L'uomo aveva manifestato sintomi respiratori e febbre alta il 24 gennaio. Le rivelazioni che arrivano dalla Francia - se saranno confermate - cambiano le carte in tavola.

Fonte: FranceInfo →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il sospetto del medico di terapia intensiva: "Un caso in Francia già dal 27 dicembre"

Today è in caricamento