Mercoledì, 21 Aprile 2021

Coronavirus, il senatore M5s contro la Germania dei "nipotini di Hitler". E' bufera

Bufera dopo le parole di Elio Lannutti, che ha attaccato Merkel e la Germania per la proposta di aiuto sul coronavirus. Il Movimento 5 stelle prende le distanze

Elio Lannutti, senatore del Movimento 5 stelle. Foto Ansa

"L'offerta della Merkel, Sant’Angela patrona d’Europa? Su la testa: abbiamo subìto fin troppo i diktat dei nipotini di Hitler e degli Stati canaglia suoi complici". Così il senatore del Movimento 5 stelle Elio Lannutti, su Facebook, ha commentato il titolo di un articolo di Famiglia Cristiana: "Pochi maledetti e subito, l'offerta della Merkel all'Italia in ginocchio", invitando a ribellarsi ai "diktat dei tedeschi".

In una nota diffusa nel primo pomeriggio, il Movimento 5 stelle ha preso le distanze e ha condannato le frasi di Lannutti: "Il Movimento 5 Stelle prende nettamente le distanze dalle affermazioni offensive del senatore Elio Lannutti nei confronti del popolo tedesco. La Germania è e resta un paese amico che con noi fa parte della grande famiglia europea. Eventuali divergenze o punti di vista diversi sono normali, nell'ambito della democratica dialettica politica europea, e non giustificano in alcun modo parole di una tale gravità".

elio lannutti-2

Durissimo Matteo Renzi, leader di Italia Viva, che senza citarlo ha attaccato Elio Lannutti per il post Facebook: "Dopo aver offeso gli ebrei e tutta la comunità civile con la riproposizione dei peggiori insulti antisemiti, uno squallido senatore del Movimento 5 stelle insulta oggi la Merkel e attacca gli amici tedeschi definendoli "nipotini di Hitler". La mia solidarietà alla Cancelliera, al popolo tedesco. Quel Senatore non conosce la parola vergogna. Mi vergogno io per lui. E mi vergogno per il Movimento Cinque Stelle che non ha ancora espulso gente così".
    
 

Fonte: Facebook →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il senatore M5s contro la Germania dei "nipotini di Hitler". E' bufera

Today è in caricamento