Martedì, 20 Aprile 2021

Coronavirus, lo sfogo dei medici del pronto soccorso: "Ci chiamavano eroi, ora ci denunciano"

Lettera aperta del personale sanitario del pronto soccorso dell'ospedale San Matteo di Pavia. Un epilogo "umiliante, demotivante, frustrante" dopo i mesi in trincea

"Siamo stati chiamati eroi" e "oggi riceviamo richiami, segnalazioni, esposti in procura". Si sfogano i medici del pronto soccorso dell'ospedale San Matteo di Pavia, in una lettera aperta inviata al quotidiano locale La Provincia Pavese.

"Ci siamo trovati ad inventare una nuova medicina, a cercare continue soluzioni per gestire l'iperafflusso dei malati, a fare i conti con l'insufficienza di risorse nonostante i continui sforzi del sistema organizzativo, risorse che sembravano non bastare mai, tante erano le richieste", raccontano i medici nella loro lettera.

"Abbiamo commesso errori, certo, forse non siamo riusciti a garantire il meglio ma abbiamo fatto del nostro meglio", ammettono, mentre "abbiamo visto persone morire senza la presenza dei loro cari accanto, abbiamo cercato di curare per come meglio potevamo, di informare i familiari nel flusso caotico e inarrestabile dei continui accessi, di consolare e di accompagnare con umanità e dignità quando non è stato possibile salvare".

Ora ricevono "richiami, segnalazioni, esposti in procura", dicono. "Veniamo chiamati a difenderci, a deporre testimonianze, anche solo come persone informate dei fatti", alla fine di un periodo da incubo il cui epilogo si è rivelato "umiliante, demotivante, frustrante".

"Potremmo scioperare, creare disservizi, portare la nostra rabbia e delusione sul posto di lavoro", dicono, "ma questo sarebbe contro la nostra etica che ci invita, ancora una volta, ad esserci ma con professionalità e umanità", concludono i medici. Che continueranno a restare ai propri posti e a fare il proprio lavoro, "ogni giorno con la massima professionalità e nel rispetto dei malati, sperando di ricevere, in cambio, il medesimo rispetto".

Fonte: La Provincia Pavese →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, lo sfogo dei medici del pronto soccorso: "Ci chiamavano eroi, ora ci denunciano"

Today è in caricamento