Coronavirus, morto il direttore di uno degli ospedali di Wuhan

Liu Zhiming era a capo del Wuchang Hospital, uno dei centri medici designati per la cura del coronavirus nella città da 11 milioni di abitanti epicentro dell'epidemia. Intanto a Wuahn le autorità sanitarie stanno effettuati controlli casa per casa

Tra le vittime del coronavirus c'è anche Liu Zhiming, esperto neurochirurgo e direttore del Wuchang Hospital, uno degli ospedali di Wuhan, la cittadina cinese epicentro dell'epidemia di Covid-19. La sua morte è stata confermata dalla Commissione sanitaria municipale di Wuhan e la notizia è stata ripresa da media locali e internazionali. 

Sempre al Wuchang Hospital venerdì è deceduta un'infermiera di 59 anni, ha riportato il quotidiano cinese Stella Rossa. L'ospedale diretto dal dottor Liu è uno dei centri medici designati per la cura del Covid-19.

In un ospedale di Wuhan è morto anche una decina di giorni fa il 34enne Li Wenliang, tra i primi medici a dare l'allarme sulla diffusione di un nuovo coronavirus ed era stato in un primo momento accusato di aver diffuso notizie false.

Cornavirus, in Cina 1800 morti

Secondo quando reso noto dal governo cinese nell'ultimo bollettino, il bilancio delle vittime da Covid-19 è salito a 1.800 persone. In base al bilancio giornaliero della commissione sanitaria provinciale risultano 1.807 nuovi casi di coronavirus, in calo rispetto al bollettino del giorno precedente che riportava 1.933 contagi registrati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Wuhan, città con 11 milioni di abitanti, le autorità sanitarie effettuano controlli casa per casa e chiunque presenti i sintomi dell'infezione è costretto a sottoporsi al test e a trasferirsi nei centri speciali per la quarantena. A breve, ne sorgeranno altri dieci, con 11.400 posti letto in più, rende noto il Chutian, un quotidiano locale. Chiunque acquisti farmaci per la tosse o antipiretici in farmacia o online dovrà presentare la sua carta di identità, per poter essere identificato e sottoposto a controlli. Le ispezioni saranno definite con sistemi di intelligenza artificiale e analisi di big data.

Fonte: Guardian →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento