Giovedì, 22 Aprile 2021

Senza lavoro per il coronavirus né sussidi, padre di tre figli si sfoga: “Non ce la facciamo più”

Lo sfogo di Roberto, disoccupato a Foggia, che non può richiedere né il reddito di cittadinanza né altri aiuti

“Sto cercando una soluzione per poter ovviare a questo precario momento, che sicuramente non riguarda solo me anche molti altri cittadini, di Foggia e in tutta Italia”. Roberto, 48 anni, fino a pochi giorni prima dell’entrata in vigore delle misure restrittive lavorava in prova presso un bar del centro di Foggia come aiuto pasticciere. “Non essendo stato assunto, però, non ho diritto a cassa integrazione o disoccupazione”, spiega a FoggiaToday. Padre di tre figli, non può richiedere il reddito di cittadinanza perché la moglie è proprietaria di 12 ettari di terreno coltivato a grano (che col raccolto ripaga appena le spese) e il possesso di questo fondo agricolo, insieme a una casa di proprietà, fa lievitare anche i redditi nel modello Isee, rendendo impossibile accedere al Red.

Roberto quindi è senza un lavoro ma non può chiedere alcun tipo di sussidio allo Stato, neppure i 600 euro d’emergenza per le partite Iva, perché la moglie risulta come “imprenditrice agricola”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per il Caf gli immobili superano la quota del limite massimo sotto il quale avremmo avuto il diritto di avere dei sostegni. In questi due mesi siamo andati avanti a strozzo, adesso siamo arrivati al limite”, dice Roberto.

Il ricavato del terreno della moglie, coltivano a grano, non è sufficiente per andare avanti, spiega. “Non avendo attrezzatura, ci dobbiamo affidare a contoterzisti, che devono essere pagati. Se a giugno la raccolta del grano dovesse risultare buona potremmo mettere da parte qualcosa, ma di certo non basta per poter campare tutto l’anno”.

Roberto è in attesa di ricevere i buoni spesa, per i quali ha fatto richiesta (ad oggi, ricorda FoggiaToday, sono state evase meno della metà delle richieste) e spera che gli vengano riconosciute comunque misure di sostentamento ma anche di trovare un lavoro nell’immediato che gli possa permettere di andare avanti finché la situazione non ritorni alla normalità.

Fonte: FoggiaToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Senza lavoro per il coronavirus né sussidi, padre di tre figli si sfoga: “Non ce la facciamo più”

Today è in caricamento