Martedì, 20 Aprile 2021

Coronavirus e vaccino, lo studio sui macachi: ''Li ha protetti dalla polmonite''

Secondo i test effettuati dal National Institutes of Health (Nih) in collaborazione con l'Università di Oxford, uno dei vaccini sperimentali avrebbe protetto i primati dalla polmonite causata dal nuovo coronavirus

Foto di repertorio

E' bastata una singola dose di uno dei vaccini sperimentali contro la Sars-CoV-2, il nuovo coronavirus, per difendere sei macachi dalla polmonite causata dal virus. E' quanto evidenzia lo studio, pubblicato sulla piattaforma 'bioRxiv', dal National Institutes of Health (Nih) in collaborazione con l'Università di Oxford. I risultati non sono ancora stati sottoposti a 'peer review' (o revisione tra pari) ma vengono condivisi per aiutare la comunità scientifica internazionale nella lotta al coronavirus. Sulla base di questi dati, il 23 aprile nel Regno Unito è stato avviato sul vaccino uno studio di fase 1 su volontari sani.

'ChAdOx1' è stato già usato per sviluppare vaccini sperimentali contro diversi agenti patogeni, incluso un coronavirus strettamente correlato che causa la sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers). "I sei macachi che hanno ricevuto il vaccino sperimentale 28 giorni prima di essere infettati da SARS-CoV-2 sono stati confrontati con tre di controllo che non hanno ricevuto il vaccino. Gli animali vaccinati - sottolineano i ricercatori - non hanno mostrato segni di replicazione del virus nei polmoni e avevano, rispetto agli animali di controllo, livelli significativamente più bassi di malattie respiratorie e nessun danno polmonare".

Fonte: BioRvix →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus e vaccino, lo studio sui macachi: ''Li ha protetti dalla polmonite''

Today è in caricamento