Lunedì, 23 Novembre 2020

Strage di pesci e animali ubriachi: "C'è vino nell'acqua del fiume"

Elevate quantità di alcool e zolfo sono state riscontrate nel fiume Mura a Gornja Radgona, centro agricolo della Slovenia, e non sarebbe la prima volta che si verifica una fatto del genere

Animali che si comportano come fossero ubriachi e diversi pesci morti: secondo i pescatori non ci sono dubbi sulle cause, a determinare lo strano fenomeno è il vino finito in acqua e non sarebbe la prima volta che si verifica una fatto del genere.

Succede a Gornja Radgona, centro agricolo della Slovenia che sorge lungo il fiume Mura e secondo quanto riporta la stampa locale a causa delle scarse vendite causate dal blocco del coronavirus, i produttori locali avrebbero riversato nel fiume enormi quantità di vino rimasto invenduto.

Le prime analisi sembrano confermare quanto denunciano i pescatori: nell'acqua del fiume sono state riscontrate elevate quantità di alcool e zolfo, sostanza quest'ultima utilizzata per ripulire le botti una volta svuotate.

Il problema non riguarda solo i pesci: diversi allevamenti della zona usano il fiume per far abbeverare gli animali. Alcuni dei quali, si legge sul quotidiano Slovenske Novice, hanno manifestato i sintomi di una sbornia.

Fonte: AgriFoodToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di pesci e animali ubriachi: "C'è vino nell'acqua del fiume"

Today è in caricamento