Giovedì, 29 Luglio 2021

A Cosenza inaugurato il ponte di Calatrava (costruito con i soldi per le case popolari)

Il ponte che unisce le due sponde del fiume Crati, è alto 104 metri ed è intitolato a San Francesco di Paola, patrono della Calabria. E' costato 20 milioni di euro e per costruirlo sono stati usati fondi "ex Gescal"

L'inaugurazione del ponte di Calatrava a Cosenza ANSA/ FRANCESCO PIACENZA

Porta la firma dell'archistar Santiago Calatrava una delle opere più importanti costruite nel Sud Italia. A Cosenza è stato inaugurato il ponte che unisce le due sponde del fiume Crati per unire il quartiere Gergeri a via Popilia.

Un progetto "vecchio" di 18 anni che l’architetto spagnolo pensò come ad una "arpa" sostenuto da un pilone alto 104 metri, inclinato di 52 gradi e lungo 130 metri, sorretto da una infinità di cavi. Tuttavia non sono mancate le polemiche per un'opera costata 20 milioni di euro.

Come scrive infattti il Corriere della Sera per realizzarla sarebbero stati usati i fondi ex Gescal "relevati negli anni ‘70 fino al 1991 dalle buste paga dei lavoratori che sarebbero dovuti servire per interventi di edilizia residenziale pubblica".

Sabato, in concomitanza con l’inaugurazione, il comitato Prendocasa Cosenza e il Partito Comunista hanno manifestato, in maniera pacifica, per protestare contro quell’ngiusto storno di danaro. Immediata la replica di Eva Catizone, la cui giunta di centro sinistra, stipulò l’accordo finanziario con la Regione per la realizzazione dell’opera. "All’epoca quando si trattò di ratificare l’accordo tutti gli esponenti politici di sinistra, precisamente di area ex Ds, la stessa cui proviene Carlo Guccione, votarono all’unanimità la delibera"

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cosenza inaugurato il ponte di Calatrava (costruito con i soldi per le case popolari)

Today è in caricamento