rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022

I giovani oggi guadagnano come trenta anni fa: "Futuro a rischio"

Uno studio di Bankitalia suona l'ennesimo campanello d'allarme sull'occupazione under 35: "Così andrà sempre peggio e comprare una casa è impossibile"

"La dinamica negativa del reddito, particolarmente accentuata per le famiglie giovani, pare essere la determinante principale alla base dell'andamento del risparmio e della ricchezza", a dare l'allarme è BanKitalia. Ciò che preoccupa di più, però, è che i più colpiti sono i ragazzi.

La conferma, nel case ce ne fosse ancora bisogno, arriva da un lavoro di Lauro Bartiloto e Cristiana Rampazzi, due economiste del centro studi della Banca d'Italia. "Nel complesso è aumentata la disuguaglianza della distribuzione della ricchezza", si legge nel dossier. E a pagare più di tutti gli effetti della recessione sono, manco a dirlo, i giovani,

"Nel 2010 il saggio di risparmio dei giovani era inferiore a quello degli anziani, over 65 - continua lo studio -  È un’evidenza non coerente con il modello del ciclo vitale in base al quale gli anziani dovrebbero risparmiare meno dei giovani, perché questi ultimi avrebbero bisogno di accumulare risorse per finanziare un livello di consumo stabile al momento del pensionamento».

In sostanza, sarebbe 'normale' che i giovani mettessero da parte più soldi rispetto agli anziani, perchè i ragazzi hanno un futuro da costruire. Anzi dovrebbero avere, un futuro da costruire. 

Gallery

Fonte: Linkiesta →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I giovani oggi guadagnano come trenta anni fa: "Futuro a rischio"

Today è in caricamento