Giovedì, 15 Aprile 2021

Critica il Comune su Facebook e si trova i vigili sotto casa: “Scriva una lettera di scuse”

È successo a Peschiera Borromeo, in provincia di Milano. La sindaca: “Il commento era lesivo dell’onorabilità dell’amministrazione, siamo pubblici ufficiali”

Una cittadina ha criticato su Facebook il Comune per le "strade piene di buche" e poche ore dopo si è vista arrivare sotto casa i vigili, che le hanno chiesto di “scrivere una lettera di scuse al sindaco”. È successo a Peschiera Borromeo, in provincia di Milano, come racconta Il Corriere della Sera.

Giovedì la donna aveva scritto “amministrazione ridicola” sotto a un post sulla pagina Facebook del Comune nel quale si parlava dei lavori di rifacimento della segnaletica orizzontale. La mattina dopo un agente della polizia locale le ha citofonato a casa: "Il comandante ha urgente bisogno di parlare con lei”. Da lì la scoperta: il comandante ha chiesto alla donna di scrivere una “lettera di scuse alla sindaca” per il commento su Facebook “un po’ pesante”.

Cosa che la cittadina ha fatto, inviando tutto per email all’indirizzo mail diretto della sindaca di Peschiera. Dopo la mail, rimasta senza risposta, il commento su Facebook è stato cancellato. La vicenda è finita prima su un sito locale, poi sui social e da lì è partita la polemica.

Scrive un commento sul Comune, le arrivano i vigili sotto casa: la replica

L’episodio è stato confermato dal comandante della polizia locale Claudio Grossi, come scrive il Corriere, che ha ammesso l’intervento “sostenendo d’aver agito d’iniziativa, come abitudine di fronte a frasi offensive e insulti sui social”. Prassi confermata anche dalla sindaca Caterina Molinari, eletta in una lista di centrosinistra e con un passato da assessore Pd: “Non ho chiesto io di intervenire, ma le direttive sono queste. Il commento era lesivo dell’onorabilità dell’amministrazione, siamo pubblici ufficiali. Avremmo potuto fare una querela, così diamo la possibilità agli autori di correggere il tiro. Gli agenti a casa? A me sembra una cosa normalissima”.

Questo il commento dell’autrice del post incriminato: “Sono rimasta di ghiaccio. Trovarsi la polizia locale sotto casa poche ore dopo un commento social è un’esperienza che mai mi sarei immaginata. Offese? Il Comune mostri lo screenshot, non ho niente da temere. La mia era l’espressione di un dissenso per le strade piene di buche. Le scuse immediate? Non avevo possibilità di scelta...”.

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Critica il Comune su Facebook e si trova i vigili sotto casa: “Scriva una lettera di scuse”

Today è in caricamento