Sabato, 15 Maggio 2021
Cuba

Cuba in crisi di liquidità, propone a Praga di ripagare i debiti con il rum

L'Avana ha un debito di 264 milioni di euro con la Repubblica Ceca. Ha così proposto a Praga di saldarlo con un'enorme fornitura del suo pregiato rum

PRAGA (Repubblica Ceca). Cuba, a corto di liquidità, ha proposto alla Repubblica Ceca di rimborsare il proprio debito in natura, soprattutto in rhum. Lo ha reso noto il Ministero delle Finanze ceco, spiegando di avere ricevuto una lista di materie prime da L'Avana. I media cechi stimano il debito cubano in circa 7 miliardi di corone (equivalenti a 260 milioni di euro), ma il Ministero avverte che si tratta di una cifra provvisoria poichè sono in corso ancora le valutazioni definitive.

Il debito è in gran parte ereditato dagli scambi commerciali fra la Cecoslovacchia e Cuba prima del 1993. Il vice ministro delle Finanze ceco Lenka Dupakova, parlando al quotidiano ceco Dnes stima "interessante" l'opzione del rimborso in rhum, anche se "si tratta di marche - afferma - relativamente sconosciute che potrebbero essere buone ma dovremmo farne la pubblicità e lanciarle sul mercato". 

Il quotidiano ricorda che la Repubblica Ceca vanta il tasso di consumo di birra maggiore del mondo e ha importato nell'anno scorso 892 tonnellate di rhum cubano pari a due milioni di euro. Pertanto, se l'intero debito fosse rimborsato così, i cechi disporrebbero di una riserva di rhum per i prossimi 130 anni. Il Ministero tuttavia insiste perché "almeno una parte del debito sia rimborsata in contanti".

Solo qualche giorno fa la Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi rilevava come l'economia cubana chiuderà con un aumento del pil del 0,4%nel 2016, un anno "particolarmente difficile" per la bassa crescita internazionale e il costante indebolimento del commercio estero. Prezzi stabili nell'isola che piange la morte del lider maximo Fidel Castro: l'inflazione sarà contenuta al 2,8% come nel 2015.

Stabile la disoccupazione al 2,4%, con un salario minimo di 225 dollari e uno medio che potrebbe superare i 687 dollari registrati nel 2015. Il turismo resta il volano dell'economia cubana con una crescita dei visitatori, sebbene i benefici del settore restino mitigati "notevolmente", poiche' "buona parte dei beni richiesti dai turisti non può essere soddisfatta localmente e devono essere importati". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cuba in crisi di liquidità, propone a Praga di ripagare i debiti con il rum

Today è in caricamento