Domenica, 20 Giugno 2021

Damian Marley trasforma un ex carcere in una "ganja farm"

Il figlio del mitico Bob ha dato vita a un progetto per l'apertura di una coltivazione nell'ex Claremont Custody Center, in California. Obiettivo: dar vita a oltre cento posti di lavoro per gli ex detenuti

Damian Marley nella sua piantagione del Colorado (Foto Billboard)

COLORADO (USA) - Cento posti di lavoro "per dare una speranza in una zona ad alto tasso di disoccupazione" per un giro d'affari di oltre cento milioni di dollari l'anno. Tutto grazie alla marijuana. A gettarsi nel business dell'erba "libera" è Damian Marley, cantante reggae figlio del mitico Bob che ha dato vita, insieme alla Ocean Grown Extracts, a un progetto per l'apertura di una coltivazione di cannabis all'interno dell'ex Claremont Custody Center. Laddove c'era un carcere, ci saranno "ex detenuti e giovani disoccupati" intenti a far crescere piante di "ganja".

IL PROGETTO - Stando a quanto riferito dai media americani che hanno dato ampio risalto alla storia, non appena avrà ingranato, l’attività potrebbe fruttare la bellezza di cento posti di lavoro da assegnare, in primis, ad ex detenuti in cerca di un nuovo futuro. Secondo Billboard, attraverso la tassazione, nelle casse dello Stato potrebbe finire circa un milione di dollari, una cifra destinata a crescere in futuro nel caso in cui, con l’eventuale approvazione della proposition 64, la proposta di legge in discussione in California che punta a legalizzare l’utilizzo a fini ricreativi della marijuana, Marley puntasse a espandere il suo giro d’affari.

Tante persone - ha spiegato il cantante - hanno sacrificato parte della loro vita perché chiusi in prigione per storie riguardanti l’erba. Ora trasformiamo uno di questi luoghi in un posto dove far crescere una pianta che ha scopi terapeutici e ispira la gente.

ERBA IN CARCERE - Dettaglio "tecnico" per nulla sottovalutato dai media statunitensi è il tipo di coltivazione che l'ex cantante ha deciso di far nascere nell'ex prigione: un tipo di erba chiamata "Speak Life", una "miscela tra indica (70%) e sativa (30%). La mia preferita", ha spiegato Marley.

LA PROPOSTA 64 - Come detto, in queste settimane sale l'attesa degli imprenditori del settore per le sorti della Proposta 64 che punta a legalizzare la cannabis per uso "ricreativo". Il pass verde è atteso per novembre e, secondo i sondaggi, ci sono buone possibilità che la proposta vada in porto. In tutto si voterà in otto Stati: oltre alla California, a decidere se legalizzare a fini ricreativi la marijuana saranno chiamati i cittadini dell'Arizona, del Maine, del Massachusetts e del Nevada. Gli abitanti di Arkansas, Florida e North Dakota si esprimeranno invece in merito alla legalizzazione della cannabis medica, già realtà in 25 stati e nel Distretto di Columbia. 

Fonte: Reggae.it →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Damian Marley trasforma un ex carcere in una "ganja farm"

Today è in caricamento