rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022

Rifiuti tossici smaltiti nei pressi di una scuola, intercettazioni shock: "I bambini? Muoiano"

200mila tonnellate di rifiuti pericolosi sarebbero stati smaltiti abusivamente in Toscana, anche nei pressi di una scuola. L'inchiesta "dangerous trash" ha portato all'arresto di 6 persone e al sequestro di due società

Rifiuti pericolosi o speciali, vernici, oli per motori, stracci imbevuti di sostanze tossiche, toner per stampanti, triturati e mescolati a rifiuti ordinari, così da eludere gran parte dell'ecotassa dovuta per lo smaltimento: sono oltre 200mila le tonnellate smaltite abusivamente in due discariche toscane, in provincia di Livorno, tra il 2015 e il 2016, la Rea Impianti Srl di Rosignano Marittimo e Rimateria Spa di Piombino.

L'operazione delle direzione distrettuale antimafia di Firenze ha permesso l'arresto di sei persone, finite ai domiciliari, ritenute dagli inquirenti di traffico di rifiuti, associazione per delinquere e truffa aggravata ai danni della Regione Toscana.

Le indagini sono iniziate nel marzo 2015 da parte dell'ex corpo forestale dello Stato per conto della Direzione distrettuale antimafia di Firenze e coordinate dall'ex sostituto della Dda Ettore Squillace Greco, in collaborazione tra le procure di Firenze e di Livorno.

Sotto inchiesta anche cinque tra funzionari e dirigenti: sequestrate due società attive nel recupero e nel trattamento dei rifiuti.

A far impressione sono tuttavia le intercettazioni telefoniche: "Che muoiano i bambini"

“Ci mancavano i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano i bambini”. Sono le parole di un indagato - seguite da alcune risate - in merito ad una discarica situata nei pressi di una scuola, registrate da un'intercettazione durante le indagini sullo smaltimento abusivo di oltre 200mila tonnellate di rifiuti speciali e pericolosi. “M'importa una sega dei bambini che si sentono male, li scaricherei in mezzo di strada i rifiuti”, dice lo stesso indagato.

In altre intercettazioni si sente una persona chiedere se “dentro i bidoni ci sia il mercurio”.

In un'altra ancora, un ulteriore indagato si lamenta della pericolosità dei rifiuti che arrivano in una discarica, ma poi li accetta: “Ci sono 3 o 4 bag di toner, ce lo devono dire! Bisogna parlarne!”

Rifiuti, intercettazione shock: "Che muoiano i bambini"

Fonte: Firenze Today →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti tossici smaltiti nei pressi di una scuola, intercettazioni shock: "I bambini? Muoiano"

Today è in caricamento