Sabato, 15 Maggio 2021

Sette giorni di divieti e alternanza tra zona arancione e rossa: cosa prevede il decreto Draghi sul lockdown a Pasqua e Pasquetta

La nuova legge che il governo sta studiando avrà divieti mirati in quei sette giorni e in particolare da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile. Limitati al massimo gli spostamenti, non saranno consentiti pranzi, incontri con più persone non conviventi, gite

Il Corriere della Sera scrive oggi in un articolo a firma di Monica Guerzoni che il decreto legge che il governo Draghi sta preparando per introdurre nuove restrizioni nelle zone gialle, arancioni e rosse e il lockdown nel week end prevederà anche un calendario dei divieti tra Pasqua e Pasquetta con limitazioni agli spostamenti, niente deroghe per incontrare i conviventi e la possibilità che si chiudano sia i bar che i ristoranti. 

Il quotidiano spiega che l'Istituto Superiore di Sanità e il Comitato Tecnico Scientifico hanno chiesto al governo di limitare i contatti tra i cittadini come è successo a Natale qualdo il presidente del Consiglio era Giuseppe Conte. Ovvero implementando il sabato e la domenica misure da fascia arancione con bar e ristoranti chiusi e divieto di uscire dal proprio comune. Il sistema non ha riscosso l'apprezzamento del centrodestra ma intanto la risalita della curva epidemiologica non si ferma e il monitoraggio di domani porterà molte regioni in zona rossa e arancione dal 15 fino al 28 marzo. Subito dopo arriverà la stretta concordata per la settimana di Pasqua: 

Proprio come accaduto a dicembre, scienziati e ministri sembrano d’accordo che un allentamento in occasione delle festività potrebbe causare una diffusione altissima del Covid-19. Per questo il decreto prevederà divieti mirati in quei sette giorni e in particolare da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile. Limitati al massimo gli spostamenti, non saranno consentiti pranzi, incontri con più persone non conviventi, gite. E non è escluso — così come avvenuto a Natale — che si decida di chiudere bar e ristoranti.

Un decreto legge o un nuovo Dpcm per l'Italia in zona rossa dalla prossima settimana (e il lockdown nel week end)

Ieri la cabina di regia alla fine non ha preso decisioni perché si attendono i numeri del report #43 dell'Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute, che sarà definitivo venerdì 12 marzo. "Le decisioni che vogliamo assumere devono essere supportate dai dati più aggiornati possibile", ha spiegato in serata Roberto Speranza. Il governo Draghi attende i numeri: poi, venerdì, il cdm che dovrebbe dare il via libera alla stretta, in vista delle festività pasquali. Il ministro della Salute non si sbilancia su quali saranno le decisioni finali del governo. Sulla zona rossa nei week end, una delle misure che circolano con più insistenza, si limita ad ammettere che "è una delle ipotesi che si stanno valutando". In ogni caso ulteriori restrizioni ''sono probabili'' e ''opportune'', e anche in "tempi stretti" perché le varianti fanno correre il virus. Tra i punti considerati acquisiti ci sono:

  • l'automatismo per far scattare la zona rossa una volta superata l'asticella dei 250 contagi ogni centomila abitanti;
  • una nuova proroga al divieto di spostamento tra le regioni, al momento in scadenza il 27 marzo;
  • una stretta agli spostamenti dai comuni di residenza;
  • il coprifuoco.

Il governo guarda comunque al modello Natale per affrontare il periodo di Pasqua: zone rosse nei festivi e prefestivi per contenere i movimenti che in quei giorni potrebbero inevitabilmente diventare veicolo di contagio

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sette giorni di divieti e alternanza tra zona arancione e rossa: cosa prevede il decreto Draghi sul lockdown a Pasqua e Pasquetta

Today è in caricamento