rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021

Camorra: denunciò i clan, lasciato solo da famiglia e Stato

Le sue dichiarazioni hanno portato a due processi. La famiglia vicina ai clan non gli parla da allora. Adesso chiede un risarcimento dopo aver subito minacce e anche un sequestro

L'imprenditore Luigi Leonardi ha 39 anni e ha già perso aziende, negozi e la casa. Fino a qualche anno fa i clan della camorra gli chiedevano un pizzo di oltre 6 mila euro alla settimana. Oggi ha perso le sue due fabbriche di impianti di illuminazioni, gli esercizi commerciali e i distributori proprio perché si è ribellato al sistema presentando 18 denunce in 12 anni. I suoi racconti hanno portato a due processi e 63 condanne e ancora le sentenze non sono ancora definitive.

La sua famiglia ha smesso di rivolgergli la parola cinque anni fa, quando si avviarono i primi proovvedimenti giudiziari nei confronti di alcuni clan. Alcuni dei suoi parenti erano infatti affiliati al clan dei Di Lauro. “Nel processo in corso a Napoli proveranno a farmi passare per un mafioso”, dice. Il cugino di suo padre è Antonio Leonardi, arrestato a fine 2012. “Con la camorra, però, non ci ho mai avuto a che fare. Il paradosso di questa situazione è che so che se mi fossi rivolto a lui, i miei problemi si sarebbero risolti in un attimo, ma la mia scelta è stata quella di mettermi dalla parte della legalità”.

Dal 1997 Luigi aveva investito il denaro che con la madre era riuscito a mettere da parte, circa 75 milioni di vecchie lire. Dai 250 mila euro a settimana che fatturava è passato a dover farsi bastare 200 euro al mese. Sfrattato dalla casa dove abitava, per un periodo ha occupato un appartamento sopra il negozio di Melito e ha trascorso anche un periodo dormendo in macchina. Ora che ha cambiato città e ha ripreso a lavorare, chiede solo che gli venga riconosciuto lo status di testimone di giustizia e la protezione dello Stato. Ma ancora il cammino sembra essere lungo.

Fonte: ilfattoquotidiano.it →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camorra: denunciò i clan, lasciato solo da famiglia e Stato

Today è in caricamento