Sabato, 25 Settembre 2021

Di Battista: "Senza Pd non abbiamo i numeri", poi scherza sul nome del figlio: "Deciderà Grillo"

Alessandro Di Battista, in una intervista a La Stampa, spiega perché il Movimento 5 stelle, alla fine, si è seduto al tavolo con Matteo Renzi per scrivere la legge elettorale

"Sappiamo che questi personaggi del Pd, sono politicamente pericolosi, ma non abbiamo la maggioranza per approvare da soli una legge elettorale". Lo ha detto il deputato pentastellato Alessandro Di Battista, in una intervista a La Stampa.

"Paola Taverna (che aveva detto che al tavolo con il Pd non si sarebbe nemmeno seduta, ndr) un po' la capisco" confida Di Battista che spiega perché il Movimento 5 stelle, alla fine, si è seduto al tavolo con Matteo Renzi

"Dobbiamo ottenere una legge elettorale il più possibile vicina al modello tedesco e siamo convinti che riusciremo a ottenerlo. Non è che possiamo fare un copia e incolla. Esistono dei principi generali, e sono quelli su cui noi siamo inamovibili". L'obiettivo è "andare al voto il prima possibile. A settembre va benissimo. Si può anche parlare di manovra, ma io vedo che il Parlamento è bloccato dal 4 dicembre. Sarà impossibile approvare le vere leggi che servono al Paese senza andare al voto". 

Poi parla di una nuova estate che non sarà più "on the road" come durante l'ultima campagna referendaria passata in scooter.

"A partire da questa estate, per ragioni personali, dovrò trovare un mezzo più sicuro. Diventerò padre. Sarà maschio ma siamo indecisi se chiamarlo Edoardo o Filippo. Diciamo che se non ci mettiamo d’accordo, lo lasceremo decidere a Beppe".

#dejeneursurlherbe #noi3

Un post condiviso da Alessandro Di Battista (@aledibattista) in data:

Fonte: La Stampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Di Battista: "Senza Pd non abbiamo i numeri", poi scherza sul nome del figlio: "Deciderà Grillo"

Today è in caricamento