Lunedì, 30 Novembre 2020

"Non è un paese per disabili": treni off limits per chi viaggia in carrozzina

L'incubo dei trasporti per le persone disabili che vivono quotidianamente un'odissea anche solo per poter salire su un treno regionale. L'inchiesta di MilanoToday

Treni con gradini troppo alti, stazioni con banchine non a norma e l'obbligo di prenotare un viaggio, seppure breve, con almeno 12 ore di anticipo. È l'incubo dei trasporti per le persone disabili che vivono quotidianamente un'odissea anche solo per poter salire su un treno regionale.

Per dimostrare quanto persino nella civilissima Milano le barriere architettoniche rendano quasi off limits i viaggi con Trenitalia, Trenord e ATM, abbiamo messo una telecamera nascosta ad Andrey Chaykin, fondatore del gruppo 'I disabili pirata', chiedendo a controllori, macchinisti e addetti all'assistenza per le persone in carrozzina quale sia la procedura alla quale attenersi per poter liberamente viaggiare con un treno regionale o un Frecciarossa. Il risultato? Stazioni spesso totalmente non attrezzate e burocrazia a non finire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: MilanoToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Non è un paese per disabili": treni off limits per chi viaggia in carrozzina

Today è in caricamento