Sabato, 8 Maggio 2021

Negozi chiusi e stop agli incontri tra amici: quali sono i divieti più efficaci per fermare un'epidemia

I dati raccolti da Oxford e altri istituti in sette Paesi: fermare le scuole e i teatri incide poco sul contagio

Quali sono le restrizioni più efficaci al tempo dell'epidemia di coronavirus? Una ricerca su MedRxiv  firmata dai maggiori centri di ricerca europei dal titolo: "Conoscere l’efficacia degli interventi dei governi in Europa contro la se- conda ondata del Covid-19" e raccontata oggi dal Corriere della Sera in un articolo a firma di Margherita De Bac spiega che c'è una specie di classifica dei divieti che hanno cambiato la vita dei cittadini. E al primo posto c'è la chiusura dei negozi.

Le «business closure» riducono del 35% l’Rt, l’indice di replicazione del virus. In coda le scuole e università che contribuiscono per il 7% al calo di questo valore.

Ma oggi che la politica litiga sul coprifuoco, è bene sapere che secondo gli esperti "L’uso rigoroso di mascherine nei luoghi pub- blici e il coprifuoco notturno hanno avuto un moderato ma statisticamente significativo effetto pari rispettivamente al 12 e 13%". Ma "ovviamente nessuna di tutte le misure cosiddette non farmacologiche può funzionare da sola". 

La ricerca è stata condotta dalle università di Oxford, Imperial College London School of Economy, Bristol ma anche Copenaghen e Essen. I dati sono stati raccolti in 7 Paesi: Austria, Repubblica Ceca, Germania, Inghilterra, Italia, Olanda, Svizzera tra l’1 agosto 2020 e il 9 gennaio 2021. Con un modello statistico si è tenuto conto del livello di incidenza dell'epidemia al momento dell'intervento e del tempo di latenza necessario per ottenere l'effetto. 

E così si scopre che la chiusura della ristorazione "ha un largo effetto sulla trasmissione del virus" con una riduzione dell’Rt del12%. La medesima percentuale vale per i locali da ballo e per le attività  come parrucchieri e centri estetici. Mentre si ferma al 3% il contributo di eventi culturali o di altro tipo: zoo, musei, teatri. È invece molto alto l’effetto prodotto dal divieto di incontri tra persone al di fuori della propria famiglia fino a un massimo di 30: la riduzione sull’Rt è del 26%. E pensare che proprio questo divieto è stato derogato sia dal governo Conte che da quello di Draghi. 

Quando si decide sul coprifuoco alle 23

Fonte: Corriere della Sera →

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Negozi chiusi e stop agli incontri tra amici: quali sono i divieti più efficaci per fermare un'epidemia

Today è in caricamento