Giovedì, 16 Settembre 2021

Eutanasia, Marco Cappato: "Dominique è morta, l'ho aiutata io"

L'attivista radicale Marco Cappato si autodenuncia per aver aiutato Dominique Velati, malata terminale, a ottenere il suicidio assistito: "Ho aiutato lei e tanti altri: come Radicali sosteniamo spesso economicamente le persone che scelgono di morire"

Dominique Velati, militante radicale e malata terminale, ha ottenuto il suicidio assistito in Svizzera, a Berna, ed è deceduta. A rendere nota la notizia è il radicale Marco Cappato che ha anche deciso di autodenunciarsi per aver aiutato la donna: "I Radicali sostengono economicamente, con il pagamento del biglietto di viaggio, i malati terminali che vogliano ottenere il suicidio assistito in Svizzera" afferma in un'intervista a Ilfattoquotidiano.it.

Proprio per questo è stata creata l'associazione "Sos eutanasia", che ha un apposito conto presso una sede bancaria, con cui gli attivisti aiutano in maniera concreta i malati terminali: "Si tratta di un atto di disobbedienza civile. L'azione infatti contravviene agli articoli del Codice penale che prevedono la reclusione per chi agevola l'esecuzione di un suicidio in "qualsiasi modo" spiega Cappato.

"Sono circa 90 le richieste ricevute nelle ultime settimane - ha sottolineato l'esponete radicale - da parte di cittadini malati terminali che chiedono un aiuto per ottenere l'eutanasia in Svizzera". I Radicali hanno reso noto di aver già inviato comunicazione alla questura di Roma, alla procura generale della Repubblica e al ministro della Giustizia dell'iniziativa illustrata, autodenunciandosi per l'aiuto fornito a Dominique Velati e per quello che si preparano a offrire anche ad altri malati che lo richiedessero.
 

Fonte: ilfattoquotidiano.it →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eutanasia, Marco Cappato: "Dominique è morta, l'ho aiutata io"

Today è in caricamento