Martedì, 26 Ottobre 2021
Incontri paranormali / Regno Unito

La donna che sostiene di essere stata molestata sessualmente da un fantasma per due anni

Charlene Smith ha raccontato di essere stata toccata nelle parti intime da un'entità dopo la morte dello zio

Due anni di inferno fatti di acchiappa-fantasmi, medium e persino un prete esorcista. Protagonista la 36enne Charlene Smith di Harlow nell'Essex. La donna ha raccontato di essere stata perseguitata da un fantasma “sessuale” per due anni. Una storia finita solo con la nascita della figlia ma che le aveva fatto letteralmente “perdere il sonno”. Tutto è cominciato una notte in cui si sentì toccata intimamente. All'inizio credeva fosse stato il suo partner e non aveva fatto troppo caso alla cosa. Nei mesi successivi però l'episodio si è ripetuto più volte mandandola letteralmente nel panico. In particolare sono stati nove i mesi in cui si è sentita letteralmente perseguitata da questo spirito che ha definito “sessualmente carico”.

Madre di cinque figli, li aveva portati tutti via nel momento in cui si era resa conto che la casa era infestata e che c'era bisogno di un intervento di “esperti”. L'ultimo intervento in ordine di tempo è stato quello di un prete esorcista che però, secondo il suo punto di vista, non aveva fatto altro che peggiorare la situazione. Charlene ha spiegato come agiva il fantasma che nei mesi successivi cominciò a spaventarla a morte. Secondo la 36enne, l'aveva attaccata di notte abbracciandola e graffiandola. Per riuscire a provare la cosa aveva anche ripreso tutto con il cellulare. Poi la fuga in strada insieme ai figli che nei giorni successivi cominciarono a sentire anch'essi la “presenza”.

Le successive visite diventarono sempre più “intime”. In un primo momento cominciò a sentire un solletico lungo la gamba fino a sentirsi toccata nelle parti intime. Le visite dello spirito cominciarono subito dopo la morte di uno zio a soli 48 anni. Charlene era molto legato all'uomo scomparso dopo essere caduto dalle scale. Una perdita traumatica per tutta la famiglia tanto da indurla a chiedere un “segno” allo zio. Una richiesta che, però, non si aspettava essere così invasiva. In un primo momento sentiva le porte sbattere in casa o gli oggetti spostarsi. Poi le visite notturne che per diverso tempo le hanno impedito di dormire tranquilla. “Avevo paura ad addormentarmi perché poteva toccarmi” ha raccontato.

Non lasciarsi andare al sonno non ha risolto il problema visto che la donna si è sentita attaccata anche in pieno giorno e ha detto di aver avuto anche dei lividi a provare le aggressioni del fantasma. Nemmeno gli acchiappa-fantasmi sono riusciti a rilevare una presenza all'interno dell'abitazione ma lei si sentiva costantemente attaccata dallo spirito molesto. Gli unici ad aiutarla nella soluzione del problema sono stati un medium e il suo sesto figlio. Il primo l'ha aiutata con esercizi di meditazione capaci di evocare lo spirito e cacciarlo con pensieri positivi. La gravidanza, durante la quale ha atteso il suo sesto figlio Chardonnay, ha fatto il resto. Il fantasma è definitivamente scomparso durante la 34esima settimana.

Fonte: The Mirror →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La donna che sostiene di essere stata molestata sessualmente da un fantasma per due anni

Today è in caricamento