Martedì, 27 Ottobre 2020

Zurigo inaugura il "drive-in" del sesso: prostitute nei box auto

Zurigo per "liberare" il quartiere centrale del Sihlquai invaso da nuove prostitute provenienti dai Paesi dell’est, ha pensato a un piano quantomeno originale. Trasferirle in una sorta di drive-in del sesso alla periferia della città, in un'area industriale che appartiene al demanio, in cui le prostitute riceveranno i clienti in appositi box. L'investimento iniziale sarebbe di 2,4 milioni di franchi.

Il piano è stato approvato dal consiglio comunale di Zurigo. Michael Herzig, del dipartimento cittadino del welfare, spiega: "La grande differenza rispetto a ora è che sposteremo la prostituzione in uno spazio privato, e avremo la possibilità di stabilire delle regole ben precise".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sostenitori dei "box del sesso" sostengono sia il prezzo da pagare per liberare il centro città da una prostituzione selvaggia che si estende a macchia d’olio.

"Le donne inoltre saranno maggiormente tutelate da eventuali violenze, e faranno affari migliori" dice ancora Herzig. Le prostitute che utilizzeranno i box dovranno avere un'assicurazione medica e comprare una licenza. Inoltre dovranno pagare una sorta di affitto per ogni notte passata nel drive-in del sesso.

Fonte: The Telegraph →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

-

Potrebbe interessarti

Zurigo inaugura il "drive-in" del sesso: prostitute nei box auto
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...