Venerdì, 14 Maggio 2021
Il “furto con destrezza” / Australia

L'emù che ha rubato un orecchino di Tiffany a una donna che posava per un selfie

Il furto avvenuto nello zoo di Sidney. La donna ha usato il selfie come prova del “reato” commesso dall'uccello

Uno degli avvisi che è facile trovare, all’ingresso e lungo il percorso, quando si visita uno zoo recita più o meno così: "È vietato dare da mangiare agli animali". 
E in effetti Ashna Ali ha seguito alla lettera questa regola, ma mai si sarebbe aspettata che i suoi gioielli potessero essere cibo per un emù. È accaduto nello zoo di Sydney. Ashna, mamma di due bimbi, era lì con i figli per una visita. Mentre stavano ammirando le specie animali esposte, sono stati attirati dall’emù di nome Berth, una delle ‘attrazioni’ dello zoo. Sarà stata l’espressione impertinente ma simpatica o il fatto che sembrava essere mansueto, sta di fatto che la donna si è avvicinata alla recinzione per scattare un selfie con l’animale.

Il furto dell'orecchino 

È quello che è accaduto dopo che ha dello strano. L’emù, invece di limitarsi a ‘posare’ ha staccato l’orecchino ad Ashna e lo ha inghiottito. Lo dimostra la sequenza di scatti. Qualche istante prima che la foto fosse scattata, si vede Bert che osserva il gioiello, forse attirato dallo scintillio, mentre Ashna si mette in posa come per scattare un semplice selfie. La fotografia in effetti l’ha scattata, ma ha ripreso l’animale che gli stacca l’orecchino. Si trattava di un gioiello fatto realizzare da Tiffany del valore di 280 dollari australiani. "Lo si può vedere mentre guarda il mio orecchino - ha raccontato Ashna a 9Now. – mi sono messa in posa e quando ho finito di cliccare, lui l'ha semplicemente afferrato. Ho sentito come un bacio”.

Il selfie come prova 

Questo il racconto della donna che ha denunciato l’accaduto ai responsabili dello zoo portando come prova lo scatto effettuato. Non ci sono stati, ovviamente dubbi sul responsabile. Il personale della struttura ha rassicurato Ashna che avrebbe recuperato il suo gioiello quando la natura avrebbe fatto il suo corso. Una spiegazione e un’immagine altrettanto brutte, ma entrambe ovvie. La donna sta attendendo pazientemente. Sono trascorsi sette giorni e purtroppo non c’è ancora traccia dell’orecchino di Tiffany sottratto furtivamente dall’emù Bert. Tanto che la preoccupazione di Ashna ha spinto i responsabili dello zoo ad offrirsi di pagare il danno o di comprare un altro orecchino identico alla donna.

"Sono passati sette giorni, l'orecchino non si vede, il che non sorprende. Siamo in contatto con Tiffany – spiega il direttore dello zoo Chris Rivett - che ci ha riferito che sono disposti a realizzare un altro orecchino identico. Questo lavoro richiederà circa due settimane”. Così in un modo o nell’altro la donna dovrebbe rientrare in possesso del suo orecchino e questa bizzarra vicenda chiudersi definitivamente. Di certo serve da monito e da esempio per chi si avvicina troppo agli animali quando va in visita agli zoo. Da ricorda che l’emù è il secondo uccello più grande del mondo dopo lo struzzo. Mangia principalmente frutta, semi, germogli, insetti e talvolta piccoli animali. Dopo la disavventura di Ashna si potrebbe aggiungere alla sua dieta anche i gioielli.

Fonte: Mirror →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'emù che ha rubato un orecchino di Tiffany a una donna che posava per un selfie

Today è in caricamento