Mercoledì, 27 Ottobre 2021
ESERCITO

L'esercito italiano contro tatuaggi "osceni e razzisti" tra i militari

Le nuove regoleo contenute in una nuova direttiva "relativa alla regolamentazione dell'applicazione di tatuaggi" dello Stato Maggiore dell'Esercito

L'esercito italiano inizia la guerra ai tatuaggi osceni e razzisti tra i suoi soldati. Per le nuove leve, ma anche per i militari già arruolati, sono "proibiti tutti i tatuaggi sulle parti del corpo visibili con le uniformi estive. Proibiti, su qualsiasi parte del corpo, i tatuaggi che abbiano contenuti osceni, con riferimenti sessuali, razzisti, di discriminazione religiosa o che comunque possano portare discredito alle Istituzioni della Repubblica italiana e alle Forze Armate. Vietati i piercing su qualsiasi parte del corpo". I militari già arruolati che già abbiano dei tatuaggi d'ora in poi dovranno denunciarli al comandante del corpo e sottostare a una verifica sulla loro conformità.

Le nuove prescrizioni sono contenute in una direttiva "relativa alla regolamentazione dell'applicazione di tatuaggi" dello Stato Maggiore dell'Esercito dello scorso 26 luglio e inviata ai vari comandi generali di tutta Italia.
La regolamentazione si è resa necessaria "per prevenire e contenere situazioni che possano incidere sul decoro dell'uniforme e sull'immagine dell'Esercito", considerando anche "i riflessi negativi che il ricorso a tatuaggi o piercing possono avere sulla capacità del singolo di assolvere determinati incarichi operativi, nonchè eventuali aspetti sanitari".


Il documento spiega che l'uso del tatuaggio ha attinenza sia con la "salvaguardia e decoro dell'uniforme", che con le "situazioni operative" - soprattutto quelle svolte all'estero in paesi con culture diverse da quelle occidentali - e dispone che "la Forza armata dal momento dell'entrata in vigore della presente direttiva non consentirà al personale di apporsi tatuaggi o piercing in parti visibili del corpo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'esercito italiano contro tatuaggi "osceni e razzisti" tra i militari

Today è in caricamento