Messico, arrestati due agenti dei servizi segreti: fecero evadere "El Chapo"

Clamorosa svolta nelle indagini sulla fuga dal carcere, lo scorso 11 luglio, del capo del cartello di Sinaloa. I due agenti rinchiusi nella stessa prigione dove lavoravano

CITTA' DEL MESSICO - Ci sono anche due agenti dei servizi segreti tra le persone arrestate nell'ambito dell'inchiesta sull'evasione, l'11 luglio scorso, del capo del cartello di Sinaloa Joaquin 'El Chapo' Guzman.

L'ACCUSA - Un giudice federale ha accusato formalmente i due agenti segreti che lavoravano nella prigione di massima sicurezza in cui era rinchiuso il narco-boss. Insieme a loro, anche due dipendenti del carcere sono accusati di avere aiutato Guzman a fuggire. I quattro sono rinchiusi nello stesso penitenziario dove lavoravano. In precedenza erano stati arrestati altri tre dipendenti del carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

>>>> IL VIDEO DELL'EVASIONE <<<<

L'EVASIONE - Secondo quanto riportato da La Jornada, i due agenti dei servizi segreti avrebbero favorito l'evasione del boss sabotando i sitemi di sicurezza della cella di Guzman precisamente alle ore 20:52:14. 

Fonte: La Jornada →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento