Sabato, 6 Marzo 2021

Poliziotto in coma dopo un incidente, la compagna: "Io e mio figlio abbiamo perso tutto"

"Qui in Italia non ci sono posti all'altezza per poterlo curare veramente", denuncia la compagna di Fabio Graziano parlando con NapoliToday

Dal 2013 l'agente di polizia Fabio Graziano è in coma. Mentre faceva ritorno a casa dal servizio è rimasto vittima di un gravissimo incidente alla Riviera di Chiaia e da allora la compagna Paola lo assiste amorevolmente ogni giorno.

"Fabio è stazionario, è in uno stato di 'minima coscienza' lo chiamano. Mi sente, si emoziona quando sente la voce di mio figlio che ha sempre considerato suo. Fabio c'è e qui in Italia non ci sono posti all'altezza per poterlo curare veramente", racconta Paola a NapoliToday.

Combatteva le ecomafie: ucciso dai veleni, dimenticato dallo Stato 

"È frustrante perché gli anni passano e tutto quello che ho fatto e sofferto insieme a mio figlio lo vedo vano. Nessuno ci tutela, io e mio figlio abbiamo perso tutto - prosegue la donna -  Affetto, sicurezza ed io anche il lavoro per seguire Fabio. Sono molto stanca e nonostante la nostra vita sia andata avanti se ci fermiamo a pensare sto male". 

Fonte: NapoliToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poliziotto in coma dopo un incidente, la compagna: "Io e mio figlio abbiamo perso tutto"

Today è in caricamento