rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021

Facebook cambia le impostazioni per i minorenni: "Ma così potrebbe aiutare i pedofili"

Il social network ha cambiato le sue regole per consentire ai minori di 18 anni di condividere immagini con chiunque su Internet. Attivisti in rivolta

I pedofili potrebbero trovare più facilmente "prede"  tra gli adolescenti on-line che passano tempo online dopo che Facebook ha cambiato le sue regole per consentire ai minori di 18 anni di condividere immagini con chiunque su Internet. Fino ad ora, tutti gli utenti di Facebook di età compresa tra 13 e 17 anni non potevano rendere i loro messaggi e le loro foto visibili a tutti gli utenti. E' il Daily Mail a lanciare al'allarme.

Fino ad adesso i ragazzini con età tra 13 e 17 anni potevano condividere messaggi solo con amici e con gli amici degli amici. Ora questa protezione è stata rimossa e Facebook permetterà ai bambini di condividere le loro immagini e video con l'intero pubblico.

La mossa è stata definita un 'disastro' da alcuni attivisti, che mettono in guardia sul fatto che autoritratti scattati dai giovani potrebbero finire nelle mani sbagliate. Il cambiamento., sottolinea il Daily Mail, porta Facebook in linea con gli altri social network come Twitter, che permette a tutti gli utenti di postare pubblicamente qualsiasi contenuto senza distinzioni d'età.

Tecnicamente, Facebook è aperto solo a coloro di età superiore a 13 anni, ma in realtà migliaia di bambini di età inferiore sono diventati membri del sito mentendo sulla loro età. Facebook non effettua un controllo di verifica dell'età. Significa che migliaia di minori di 13 anni potrebbero rischiare di vedere le loro foto cadere nelle mani di pedofili.

Helen Goodman, portavoce dei media dei Labour, ha detto che il cambiamento di politica di Facebook potrebbe essere un 'disastro' per gli adolescenti. 'Questo è uno sviluppo molto sciocco,' ha detto. 'Molti giovani non capiscono che le fotografie che mettono sul web possono essere prese e utilizzate dai pedofili. Sono allibita".

Claire Lilley, della NSPCC, ha detto che "è semplicemente inaccettabile che Facebook si aspetti che dei bambini si pendano il 100 per cento di responsabilità nel gestire non solo le loro impostazioni, ma anche il loro livello di rischio".

All'inizio di questa settimana, il Mail aveva rivelato che decine di migliaia di foto esplicite condivise da adolescenti vengono rubate e finiscono sui siti web consultati da pedofili. Una ricerca di sole 40 ore portata avanti dagli analisti presso l'Internet Watch Foundation ha trovato più di 12.200 immagini di autoritratti e video di ragazzi sui siti pedofili.

Simon Milner, direttore della politica di Facebook nel Regno Unito, ha detto: 'Una delle richieste che sentiamo direttamente dagli adolescenti più spesso è la possibilità di condividere le cose in modo pubblico, così come avviene in altri servizi. Gli adolescenti sono tra le persone più sagge nell'utilizzo dei social media, e vogliono essere ascoltati". Ha detto che i cambiamenti sono stati progettati per 'migliorare l'esperienza su Facebook per gli adolescenti".

Fonte: Daily Mail →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Facebook cambia le impostazioni per i minorenni: "Ma così potrebbe aiutare i pedofili"

Today è in caricamento