Lunedì, 21 Giugno 2021
L'ingiustizia subita / Regno Unito

Perde il marito prima del ricevimento ma il locale non le restituisce i soldi

Partita una raccolta fondi per Fiona Boswell. Era riuscita a sposare il marito Guy prima che morisse di cancro. Non sono mai riusciti a festeggiare le nozze

Foto Pixabay

All’immenso dolore per la perdita del marito per Fiona Boswell si è aggiunta la beffa: la richiesta di pagamento di 4.100 sterline per una festa di matrimonio che non si è mai tenuta. La storia l’ha raccontata la diretta interessata rimarcando il fatto di aver cercato una mediazione con la proprietà della location ma senza successo. Fiona, un’agente assicurativa di 50 anni originaria di Norwich nella contea orientale di Norfolk, ha perso tragicamente il suo compagno Guy Boswell, anche lui 50 anni. All’uomo sette mesi prima era stato diagnosticato un linfoma non Hodgkin, un tipo di cancro linfatico. La notizia ha sconvolto le loro vite ma insieme hanno comunque deciso di coronare il loro sogno d’amore.

La festa che non si è mai tenuta 

Con una licenza speciale a ottobre si sono sposati, approfittando del fatto che le condizioni di Guy non fossero ancora gravi e tali da impedirgli di partecipare alla festa. Qualche mese dopo avevano programmato una cerimonia sontuosa per condividere il loro amore e la loro gioia con parenti e amici. La data era stata già fissata così come la location indicata e prenotata: la Elm Farm Country House di Horsham St Faith, sempre nella contea di Norfolk. Così come era già pronto l’elenco degli ospiti che avrebbero dovuto partecipare: circa 100 ospiti e concordato anche il costo che si aggirava sulle 4.100 sterline. Mancavano giusto gli ultimi dettagli, ma purtroppo il destino ha deciso diversamente.

La morte del marito Guy

Guy è morto tragicamente a causa dell'amiloidosi cardiaca, che causa insufficienza cardiaca, sette mesi dopo la diagnosi di cancro. Una notizia devastante per Fiona che è stata costretta a informare parenti ed amici e, ovviamente, a disdire la cerimonia. Peccato che la proprietà della struttura si sia mostrata ferrea: quei soldi non possono essere rimborsati nonostante l’evento tragico offrendosi invece di riservarle comunque la sala per quel giorno. Un atteggiamento che probabilmente ha denotato una poca sensibilità da parte della struttura e una doppia beffa per Fiona che sta ancora piangendo la morte di suo marito. “Abbiamo scelto il luogo perché avevamo amici che si sposavano lì e la giornata è stata incantevole. È stata anche la location della nostra prima uscita in coppia. Quando ho fatto sapere alla proprietà cosa era successo – ha raccontato - e ho chiesto un rimborso, la risposta è stata semplicemente un no. Mi ha fatto arrabbiare”.

Il rifiuto del rimborso 

Fiona ha spiegato che il rifiuto al rimborso è stato motivato dal fatto che la cerimonia era stata annullata troppo vicino alla data prevista, a luglio. Ma ovviamente lo scarso preavviso non è stato immotivato. Fiona ha anche chiesto che le aziende "esaminino i termini e le condizioni e aggiungano clausole per coprire questi eventi imprevisti o forniscano consulenza sull’assicurazione per il matrimonio. Guy era l'amore della mia vita. Eravamo entrambi tristi di non esserci incontrati prima da giovani. Ero così felice quando mi ha fatto la proposta. L'impatto della sua perdita è stato enorme sulla sua famiglia e su di me. Ci è stato detto che non sarebbe diventato vecchio, ma non ce l'aspettavamo così rapidamente”. Gli amici della coppia hanno creato una pagina GoFundMe, per sostenere Fiona con le spese. Finora hanno raccolto 880 sterline, l’obiettivo è quello di raggiungere 4.500 sterline.

Fonte: Daily Mail →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perde il marito prima del ricevimento ma il locale non le restituisce i soldi

Today è in caricamento