rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Si ritrova come vicino di casa l'orco pedofilo che abusava di lei

Un capolavoro di giustizia al contrario. La Corte d'appello revoca il divieto di dimora per l'uomo che aveva abusato di una bambina. Che oggi rivive un incubo mai terminato

Zio Pino, l'orco, è tornato. E lei ha paura, l'incubo non è finito. Un capolavoro di giustizia al contrario. La Corte d'appello revoca il divieto di dimora per l'uomo da cui era stata a lungo abusata la piccola Francesca. Attilio Bolzoni su Repubblica riepiloga l'assurda vicenda giudiziaria.

Questa drammatica vicenda è ambientata a Roma, in quartiere a nord della città, un condominio silenzioso dove dal 2005 al 2010 Francesca (oggi ha 13 anni, il nome è di fantasia) ha subito abusi da un militare in pensione che la "costringeva, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, a subire atti sessuali". Violenze sessuali iniziate quando Francesca non andava ancora a scuola.

Lo "zio" Pino, in primo e secondo grado è stato condannato a tre anni di reclusione. Ma adesso i giudici della Corte di Appello hanno "graziato" l'uomo, riaprendogli le porte di casa - senza pensare agli effetti psicologici sulla bimba, che si ritrova al piano di sopra il vecchio orco. Un mese fa Francesca se lo trova improvvisamente davanti. Poi "comincia a sentire i rumori che hanno trasformato la sua vita di bambina in un inferno - la sedia a dondolo che si muove, la televisione accesa fino a tarda notte, i rintocchi dell'orologio a pendolo - e ritorna l'angoscia degli anni prima".

Scrive Repubblica:

Vi raccontiamo i fatti, che cominciano otto anni fa. Francesca ha perso il padre, la madre Emilia lavora fino a tarda sera e qualche volta anche la domenica. Così ogni tanto lascia Francesca dallo "zio" Pino e da sua moglie Wanda, che abitano un piano più su. Passano alcuni mesi e Francesca inizia a stare male, tachicardia parossistica. La bambina cerca ogni scusa per non farsi portare dallo "zio" Pino, capisce però che è inutile. Passano altri mesi e passano anche gli anni fino a quando Francesca, più grande - è il 22 aprile 2010 - confessa alla madre i "giochi" con il vicino di casa

Fonte: La Repubblica →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si ritrova come vicino di casa l'orco pedofilo che abusava di lei

Today è in caricamento