Domenica, 11 Aprile 2021

In Francia primo giorno di "libertà" con la strategia delle zone arancioni

Libertà di movimento in patria per i francesi ma anche la Corsica rimane interdetta. Riaprono bar e ristoranti ma a Parigi resta in zona arancione con molte limitazioni

Riaprono bar e ristoranti in Francia ma a Parigi accessi consentiti solo all aperto Foto Ansa

In Francia è iniziata oggi la fase 2 del deconfinamento che allenta ulteriormente il lockdown. È infatti stato revocato il divieto di allontanarsi dalla residenza per oltre i 100 km nel territorio nazionale e da oggi si potranno prendere treni e aerei, ma solo con la mascherina. Rimane l'obbligo di mascherina nei taxi e nel trasporto pubblico, inoltre nell'ora di punta si possono usare i trasporti solo per gli spostamenti verso il luogo di lavoro, la scuola e per necessità medica.

Restano vietati gli assembramenti pubblici di più di 10 persone e lo saranno almeno fino al 21 giugno. I grandi eventi con più di 5mila spettatori non saranno possibili almeno fino al 31 agosto. Le discoteche e le sale da ballo restano chiuse, mentre hanno potuto riaprire da oggi bar e caffé, ma non nelle aree "arancioni" in cui è compresa la stessa Parigi.

Restano limitati ai casi di necessità gli spostamenti dalla Francia continentale alla Corsica e altri territori d'oltremare per via aerea, così come rstano chiuse le frontiere, ma si sta ragionando per una riapertura nello spazio Schengen per il 15 giugno.

In Francia la Covid-19 hanno ucciso almeno 18.506 persone nei soli ospedali pubblici, mentre sono ancora 14.288 le persone che si trovano ancora ricoverate, di cui 1.302 in terapia intensiva.

Fonte: lemonde →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Francia primo giorno di "libertà" con la strategia delle zone arancioni

Today è in caricamento