Martedì, 22 Giugno 2021

"Se le galline lo fanno, sta per arrivare un terremoto": nuovo studio dalla Cina

Secondo quelle che fino a ora sono solo e soltanto "leggende metropolitane" sarebbero segnali di un terremoto imminente la corsa sulla cima degli alberi da parte dei polli, o i salti in superficie dei pesci: nuovo studio in Cina

A Nanchino, in Cina, un gruppo di ricercatori e di sismologi sta portando avanti uno studio dettagliato che servirà a comprendere se il comportamento degli animali da fattoria possa essere utile in qualche modo per prevedere in anticipo i terremoti.

Hanno iniziato a studiare i comportamenti di polli, pesci e rane. La stampa locale spiega che i ricercatori del Banqiao Ecological Park osserveranno più volte al giorno il comportamento degli animali (anche grazie a un sistema di telecamere di sorveglianza) e segnaleranno eventuali anomalie. 

Secondo quelle che fino a ora sono solo e soltanto "leggende metropolitane" sarebbero segnali di un terremoto imminente la corsa sulla cima degli alberi da parte dei polli, o i salti in superficie dei pesci. Manca qualsiasi prova però.

Zhou Hongbing, che lavora nel parco, spiega: "I sismologi analizzeranno le anomalie per capire se siano riferibili a un terremoto". In Cina già negli anni scorsi erano stati fatti studi sulle anomalie comportamentali degli animali.

Verrà poi in seguito analizzato anche il comportamento degli animali che vivono in luoghi chiusi, come le caverne, ad esempio pipistrelli e serpenti, più sensibili a quanto pare degli uccelli o di altri animali, ai terremoti. 

Fonte: Want China Times →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Se le galline lo fanno, sta per arrivare un terremoto": nuovo studio dalla Cina

Today è in caricamento