Mercoledì, 22 Settembre 2021

Gamba amputata, ma l'Inps chiede controlli: "Che rabbia, io sono un vero invalido"

A Rino è stato chiesto di presentarsi alla sede dell'ente, in pieno inverno, e ha dovuto pagare lui stesso l'ambulanza all'andata e al ritorno. Surreale. I nipoti sono esterrefatti

Rino, 86 anni, è furibondo, e ne ha ben donde. Gli hanno amputato una gamba un anno fa, ma l'Inps chiede verifica di controllo. Ha diritto alla pensione di invalidità, gli è più che dovuta. E' costretto a letto da un anno e tre mesi. E' stanco. E' arrabbiato.

Per il controllo, gli è stato chiesto di presentarsi alla sede dell'ente, in pieno inverno, e ha dovuto pagare lui stesso l'ambulanza all'andata e al ritorno. Surreale. I nipoti sono esterrefatti: "Pensavano che fosse cambiato qualcosa?"

La trasmissione Mattino 5 ha dato spazio alla sua storia: Rino purtroppo è stato anche ricoverato subito dopo il controllo per problemi di salute. "Io sono molto arrabbiato, invece di venire a casa sono dovuto andare io a Mestre all’Inps. Sono un invalido vero io - dice Rino - non ho mai truffato nessuno".

Fonte: Il Giornale →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gamba amputata, ma l'Inps chiede controlli: "Che rabbia, io sono un vero invalido"

Today è in caricamento