Giovedì, 29 Luglio 2021

Sbattuta a terra con l'idrante, il racconto di Gemma: "Non condanno la polizia, provo tenerezza per loro"

Gemma Vecchio, presidente dell'associazione "Casa Africa", è stata intervistata da RomaToday

Il corpo è quasi totalmente ricoperto di lividi, setto nasale rotto e 30 giorni di prognosi.

Gemma Vecchio, presidente dell'associazione Casa Africa, ci racconta il momento in cui è stata colpita con l'idrante della polizia durante lo sgombero di piazza Indipendenza a Roma.

La chiamano "mamma Africa" per il lavoro che da oltre 40 anni svolge con la sua associazione "Casa Africa". Gemma Vecchio, immigrata dall'Etiopia nel 1979, si trovava a piazza Indipendenza per portare cibo, vestiti e pannolini alle tante donne che avevano dormito per strada: "Ho perso subito i sensi - racconta - ma non ho sete di vendetta, non sono arrabbiata con  poliziotti. Mi fanno tenerezza per come vengono usati dalla politica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: RomaToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbattuta a terra con l'idrante, il racconto di Gemma: "Non condanno la polizia, provo tenerezza per loro"

Today è in caricamento