rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Il futuro della ricerca

Il vaccino contro il cancro entro cinque anni: la promessa dei fondatori di BioNTech

Ugur Sahin e Özlem Türeci dopo aver creato il vaccino mRna contro il Covid-19 guardano a nuove sfide: "Con l’Rna batteremo tumori e l’Hiv"

La pandemia è stata il banco di prova per l’impiego nei vaccini della tecnologia mRna, aprendo la porta ad un mondo che potrebbe portare nei prossimi cinque-dieci anni ad “un cambiamento di paradigma in molti dei vaccini esistenti”.

A dichiararlo in un’intervista a Repubblica Ugur Sahin e Özlem Türeci, i coniugi immuno-oncologi cofondatori di BionTech, l’azienda che ha sviluppato per Pfizer il vaccino anti Covid, specificando che l’Rna messaggero potrebbe aiutare a combattere tutti i tipi di tumore solido, dal melanoma al carcinoma del colon-retto. Inoltre, l'mRna potrebbe essere un’arma preziosa anche per le sindromi autoimmuni e quelle allergiche.

Ugur Sahin e Özlem Türeci: con l’Rna batteremo tumori e Hiv

“Nel 2022 contiamo di iniziare i test clinici per i vaccini contro la malaria e la tubercolosi. E andremo avanti con il nostro programma di un vaccino contro l’Hiv. Ma non finisce qui: l’mRna ci permette di riprogrammare il sistema immunitario non solo per stimolarlo, ma anche per calmarlo: e questo sarà prezioso per la cura delle malattie autoimmuni - dove i danni sono fatti da un sistema immunitario iper-reattivo - e nella medicina rigenerativa”, spiegano i ricercatori dichiarandosi pronti a sconfiggere i tumori.

“Abbiamo 15 vaccini anticancro in fase di test clinico, il più avanzato è quello contro il melanoma. Prevediamo nei prossimi 5 anni di portarne qualcuno sul mercato e di portare altri nuovi vaccini in fase avanzata di sviluppo clinico”.

Fonte: Repubblica →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vaccino contro il cancro entro cinque anni: la promessa dei fondatori di BioNTech

Today è in caricamento