Lunedì, 19 Aprile 2021

Strage del treno di Viareggio, rubati i giocattoli sulle tombe delle piccole vittime

A due settimane dal decimo anniversario della strage, i ladri sono entrati nel sacrario nel cimitero della Misericordia. “Alla miseria umana non c’è mai fine”, dice il papà Marco Piagentini

foto di repertorio

Ignoti si sono introdotti nel sacrario dedicato alle vittime della strage di Viareggio, all’interno del cimitero cittadino della Misericordia, e hanno rubato tra le tombe, portandosi via i giocattoli che vi erano stati lasciati

A denunciarlo è stato Marco Piagentini, presidente dell’associazione “Il mondo che vorrei” che raccoglie i familiari delle vittime. Lui stesso nella strage ferroviaria del 29 giugno 2009 perse la moglie Stefania e due dei tre figli, il piccolo Luca di 4 anni e Lorenzo, di appena 17 mesi.

I ladri hanno portato via i giocattoli che si trovavano sulle tombe di Luca e Lorenzo e un pallone che si trovava su quella di Federico Battistini.

“Alla miseria umana non c’è mai fine”, dice Piagentini al Corriere Fiorentino. “Purtroppo certa gente non si rende neppure conto delle azioni che compie e del loro significato. Non è la prima volta che le tombe dei nostri cari vengono profanate, ma non dobbiamo né vogliamo rassegnarci a tutto questo”. Piagentini dice che parlerà con i responsabili del cimitero e presenterà una denuncia “perché rimanga una traccia di questo grave episodio”.

Già tempo fa erano state rubate delle piante dalla tomba di Stefania Maccioni, la moglie di Piagentini. “Ma in questi anni abbiamo dovuto sopportare sfregi e vandalismi di ogni genere”, conclude l’uomo.

Fonte: Corriere Fiorentino →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage del treno di Viareggio, rubati i giocattoli sulle tombe delle piccole vittime

Today è in caricamento