Martedì, 2 Marzo 2021

Quei lavori faticosi che i giovani rifiutano: "In pochi accettano festivi, turni notturni e straordinari"

Le aziende si lamentano: "Colpa di una mentalità sbagliata"

In alcuni settori il lavoro c'è, le offerte sono concrete, frequenti, ma si fa fatica, molta fatica, a trovare giovani qualificati.

Il problema riguarda soprattutto lavori ritenuti particolarmente faticosi o pesanti: dal lavoro nei fine settimana e nei festivi a quello notturne, dal part-time in ore scomode o difficoltose ai turni articolati e variabili.

E poi ci sono quelle occupazioni svolte in condizioni e in ambienti sfavorevoli (come nell’edilizia, nell’agricoltura, nell’allevamento, nella panificazione, nel tessile-abbigliamento, nell’industria chimica e meccanica, nei servizi di pulizia e nella sanità).

"Da commesso a videomaker di un astronauta, il lavoro duro paga": la storia (bellissima) di Francesco

“Lavorare nella ristorazione – spiega a Quotidiano.net Lino Enrico Stoppani, presidente della Fipe-Confcommercio – richiede impegno fisico e mentale con un forte spirito di sacrificio. Si lavora il sabato e la domenica, nelle feste di ricorrenza, in parte anche di notte e persino il 1 maggio. Ci sono, quindi, difficoltà a trovare personale qualificato per mancanza sia di candidati sia di profili con le competenze richieste. Il risultato è che i giovani italiani sono sempre meno disposti ad impegnarsi nelle nostre imprese come testimonia la crescente presenza di lavoratori stranieri"

"E questo sebbene 8 occupati su 10 abbiano un contratto a tempo indeterminato”.

Fonte: Quotidiano.net →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quei lavori faticosi che i giovani rifiutano: "In pochi accettano festivi, turni notturni e straordinari"

Today è in caricamento