Mercoledì, 23 Giugno 2021
Spagna

Il giudice che ha ordinato di vaccinare un’anziana disabile nonostante l’opposizione della figlia

Il caso in Spagna. La donna, una 84enne incapace di intendere e di volere, risiede in una casa di cura per anziani. La struttura aveva chiesto aiuto al tribunale di fronte al rifiuto dalla famiglia

In Spagna un giudice ha ordinato di vaccinare contro il Covid-19 un’anziana donna di 84 anni, incapace di intendere e di volere, residente in un centro geriatrico, nonostante la figlia si fosse opposta.  Il tribunale di Santiago de Compostela ha deciso che la donna, che vive nella residenza per anziani DomusVi San Lázaro, sia vaccinata con il vaccino Pfizer-BioNTech, perché la sua salute deve prevalere sul parere contrario della figlia, scrive El Pais

La DomusVi San Lázaro aveva chiesto al tribunale l’autorizzazione a far vaccinare l’anziana venerdì pomeriggio: una decisione presa dai responsabili della struttura "per il benessere del resto dei residenti e dei lavoratori", di fronte al rifiuto della figlia della donna. 

Sabato mattina il medico legale ha stilato un rapporto che ha confermato l’incapacità della donna e nel pomeriggio la figlia è comparsa in aula per opporsi alla vaccinazione dell’anziana madre. Poco dopo, il magistrato ha stabilito che la donna doveva essere vaccinata il giorno successivo, seguendo il calendario stilato dalle autorità. Tuttavia, l’attività di vaccinazione nella residenza per anziani al momento è rallentata e la donna non ha ancora ricevuto la prima dose di vaccino, perché la casa di cura dove risiede ha deciso di effettuare uno screening preventivo prima di procedere alle vaccinazioni per tutti gli ospiti. Se i figli della donna decideranno di trasferire la madre dalla residenza per anziani, dovranno comunque riportarla lì affinché possa ricevere la prima e la seconda dose, 21 giorni dopo. L’anziana non riceverà la seconda dose solo in caso di reazione avversa, oppure qualora la donna “riacquisti le sue capacità”, ha specificato il giudice.

Il giudice: "Era urgente salvare la vita dell'anziana"

“È urgente vaccinare una donna anziana durante una pandemia? Le cifre del contagio dicono di sì, è risaputo che il numero di morti è elevato e proteggerla era qualcosa di urgente. Poche cose sono più urgenti del salvare una vita. L'azione del tribunale aiuta ad accelerare? Ebbene sì, perché questo caso è arrivato da me venerdì pomeriggio e la vaccinazione era domenica (anche se poi è stata ritardata, ndr). Era probabile che questa donna potessere perdere quel treno”, ha commentato il giudice Javier Fraga in merito all’urgenza di intervenire sul caso della donna con quella che El Pais definisce una “decisione pioneristica”. 

“È vero che vaccinare può comportare un rischio, ma lo è anche non farlo. L'epidemia è in espansione e il rischio vitale è molto significativo, si tratta di bilanciare i due rischi e di optare per il male minore, che per una persona di 84 anni è il vaccino”, ha aggiunto poi il giudice, raggiunto al telefono dal quotidiano spagnolo. Il caso era materia di giurisdizione civile, ma Javier Fraga, a capo del locale tribunale per le indagini preliminari, ha deciso di intervenire e deliberare senza attendere la pronuncia del tribunale di primo grado, per consentire che la donna venisse vaccinata in tempo.

Perché la figlia dell'anziana non voleva che fosse vaccinata

La figlia della donna, designata dalla residenza per anziani come parente di riferimento della 84enne, ha detto di essersi opposta alla vaccinazione della madre sotto le pressioni dei suoi fratelli, per paura possibili reazioni avverse e per “il senso di responsabilità che comporta l’obbligo di dover decidere per un’altra persona”. La donna ha detto al giudice che le era sembrato “più sensato” aspettare e vedere i possibili effetti su altre persone prima di far vaccinare la madre. Il medico legale che ha firmato la perizia ha ribadito che “i vaccini sono sicuri, la maggior parte delle razioni sono lievi e temporanee” e che “è molto più facile avere lesione gravi da una malattia prevedibile con il vaccino che da un vaccino”, mentre “i benefici della vaccinazione superano di gran lunga i rischi, e senza vaccini ci sarebbero molti più casi di malattia e decessi”. 

Fonte: El Pais →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giudice che ha ordinato di vaccinare un’anziana disabile nonostante l’opposizione della figlia

Today è in caricamento