Lunedì, 17 Maggio 2021

Giulio Macciò: l'uomo che muore per Covid-19 nel reparto dell'infermiera no-vax al San Martino di Genova

Ricoverato per altri motivi, si è infettato ed è morto dopo il focolaio provocato da un'infermiera che aveva rifiutato il vaccino contro il coronavirus. La procura indaga

Giulio Macciò, imprenditore di 79 anni che era ricoverato presso l'ospedale San Martino, è morto per le complicazioni seguite a Covid-19 nel reparto in cui lavora un'infermiera no-vax. Il Fatto Quotidiano racconta che la procura ha aperto un'inchiesta perché l'uomo era entrato in ospedale lo scorso 21 febbraio per problemi respiratori ma era risultato negativo al tampone ed era stato ricoverato in pneumologia nel padiglione Marigliano: 

In quello stesso reparto successivamente era risultata positiva un’infermiera che aveva rifiutato la vaccinazione. Sul caso dei sanitari no vax era intervenuto duramente anche il sindacato dei sanitari. 

L’indagine sulla morte di Giulio Macciò è partita dopo una denuncia dell’avvocato Claudio Zadra, che rappresenta i famigliari di Macciò, ed è affidata ai carabinieri del Nas coordinati dai pubblici ministeri Francesco Pinto e Stefano Puppo. La salma dell’uomo, inizialmente trasferita a Bologna per compiere alcuni accertamenti diagnostici, verrà portata in un centro specializzato a Lucca per eseguire l’autopsia.

Nei giorni scorsi erano arrivati a 11 i pazienti Covid positivi del cluster derivante da variante inglese trovati al primo piano del Padiglione Maragliano, compresa l'infermiera che non ha voluto vaccinarsi. Il Policlinico San Martino aveva fatto sapere che era in corso la disinfezione del reparto. "La Direzione informa che è stato individuato un cluster, derivante da variante inglese, al 1° piano del Padiglione Maragliano. È risultata positiva un'infermiera che si era rifiutata di sottoporsi alla vaccinazione", aveva fatto sapere l'ospedale dove lavora anche Matteo Bassetti. A gennaio, a Genova, un operatore era stato allontanato dal contatto con i pazienti di una Rsa proprio perchè non aveva voluto immunizzarsi.

Zona rossa e arancione: le regioni che cambiano colore oggi con l'ordinanza di Speranza

Il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti era andato all'attacco nei giorni scorsi: "Trovo discutibile che ci siano infermieri che non abbianoo protetto se stessi e i pazienti con i quali lavorano con il vaccino. Chi lavora in quel settore ha il dovere di vaccinarsi". Toti aveva anche sottolineato che non esistono misure per obbligare gli operatori sanitari a ricevere l'immunizzazione: "Il governo però dovrebbe prendere provvedimenti per questi casi", aveva aggiunto, annunciando poi: "Ho dato mandato ai miei uffici di valutare la possibilità di intervenire con una legge regionale per obbligare questa categoria a vaccinarsi chi fa questo lavoro e rifiuta di proteggere se stesso con il vaccino non protegge i pazienti di cui dovrebbe prendersi cura. E questo è inaccettabile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giulio Macciò: l'uomo che muore per Covid-19 nel reparto dell'infermiera no-vax al San Martino di Genova

Today è in caricamento