Sabato, 27 Febbraio 2021

Governo, è il giorno del premier: in pole Giuseppe Conte, Lega e M5s al Colle

Oggi pomeriggio Matteo Salvini e Luigi Di Maio sono attesi al Quirinale

Il possibile nuovo premier Giuseppe Conte - ANSA

C'è il docente di diritto privato Giuseppe Conte, 54 anni, in pole per la premiership: è lui secondo varie fonti il nome sul quale Matteo Salvini e Luigi Di Maio hanno trovato la quadra nell'ultimo incontro di domenica: è componente del Comitato scientifico della Fondazione Italiana del Notariato, ha fatto parte del Cda dell’Agenzia Spaziale Italiana e nel 2013 il Parlamento lo ha designato come componente del Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa.  Prima di avvicinarsi al M5s, le sue simpatie renziane non erano un mistero. Ma è il passato, che appare lontanissimo: il futuro prossimo di Conte potrebbe essere alla guida del governo "legastellato".

Oggi pomeriggio i leader di Movimento 5 stelle e Lega sono attesi al Quirinale dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Si parte con la delegazione pentastellata che sarà ricevuta alle 17,30 e sarà composta dal leader Luigi Di Maio e dai capigruppo di Camera e Senato Gulia Grillo e Danilo Toninelli. Alle 18,00 sarà ricevuta la delegazione della Lega composta dal leader Matteo Salvini e dai capigruppo di Camera e Senato Giancarlo Giorgetti e Gian Marco Centinaio.

Giuseppe Conte, chi è il possibile nuovo premier "sconosciuto" al grande pubblico

Governo, ultime notizie

Salvini ha confermato che la strada è ormai in discesa: "Abbiamo chiuso l'accordo sul premier e sulla squadra di ministri. Speriamo che nessuno metta veti su una scelta che rappresenta la volontà della maggioranza degli italiani".

"Questo fine settimana l'ho passato a sostenere sindaci in varie città ma la cosa che cambia dalla prossima settimana - ha detto Di Maio - è che il Movimento 5 stelle andrà al governo del Paese".

Contratto di governo, per il M5s i soldi ci sono

"Io e Salvini abbiamo chiuso un accordo politico. Ovviamente le prerogative sono ora del presidente della Repubblica, sceglierà lui i passaggi da fare", ha detto ancora Di Maio. "Prima di spread e dei parametri di Bruxelles vengono i cittadini italiani - ha sottolineato il leader M5s - con i loro diritti essenziali. E se dovremo pretendere qualcosa in Europa non andremo col cappello in mano ma chiederemo i margini per poter spendere come seconda forza manifatturiera in Europa e che da 20 miliardi e ne vede rientrare 10-12". 

Il M5s vuole chiudere l'Ilva e bloccare la Tav

Salvini e Di Maio ministri

Nessuno dubita più che sia Salvini sia Di Maio saranno presenti nel governo, a entrambi sarà affidato un ministero "pesante": il capo politico del M5s sarebbe l'indiziato numero uno per il Lavoro, mentre il segretario leghista si sente già in tasca il posto al Viminale.

Sicuro un ruolo importante anche per Giancarlo Giorgetti, il candidato più forte per il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio. 

Restano invece aperte le delicatissime caselle di Economia e Difesa: su questi ministeri il parere di Mattarella conterà, e non poco.

La pentastellata Laura Castelli in pole per il ministero delle Infrastrutture, il leghista Nicola Molteni all'Agricoltura.

La sintesi del contratto tra Di Maio e Salvini (per chi non ha molto tempo)

"Abbiamo chiesto che il ministero dello sviluppo economico con dentro quello del Lavoro sia un super ministero per risolvere i problemi degli italiani vada al Movimento 5Stelle insieme a tanti altri e alla possibilità di guidare questo cambiamento" ha detto Di Maio. "Io e Di Maio nel governo? "Siamo disponibili a metterci la faccia", ha chiosato il leader del Carroccio.

E' iniziato, a due mesi e mezzo dal voto, il conto alla rovescia in vista del governo legastellato.

Camusso, allarme rosso per Jobs Act e voucher

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Governo, è il giorno del premier: in pole Giuseppe Conte, Lega e M5s al Colle

Today è in caricamento