Venerdì, 18 Giugno 2021

Grecia, tensione a Kos: scontri tra migranti e polizia

Il sindaco dell'isola ha lanciato un appello per ricevere aiuti per gestire la situazione: ogni giorno su queste coste sbarcano dai seicento agli ottocento migranti

Cresce la tensione nell’isola greca di Kos, dove gli scontri tra migranti e polizia non sono mancati. Le forze dell'ordine hanno usato manganelli e idranti su centinaia di migranti sono stipati nello stadio dell'isola greca in attesa di conoscere il loro destino. Qui siamo in piena stagione turistica e il tutto è avvenuto sotto gli occhi attoniti dei vacanzieri. Un agente è stato sorpreso con un coltello a minacciare i profughi e a dare un schiaffo a un pakistano, come si vede nel video che sta facendo il giro del web. 

VIDEO: POLIZIA CARICA MIGRANTI SULLA SPIAGGIA
scontri kos-2

L'Onu ha definito la situazione nell'isola "vergognosa" e intanto il sindaco di Kos, Giorgos Kyritsis, ha lanciato un appello chiedendo l'assistenza immediata da parte del governo per affrontare la situazione delle migliaia di rifugiati:

Se non verranno presi subito rimedi, ci sfuggirà di mano tutto e scorrerà il sangue

Secondo Kyritsis sull’isola vi sono ormai oltre 7mila migranti arrivati e le autorità locali non sono in grado di affrontare da sole i problemi connessi. Infine il sindaco ha anche denunciato il fatto che - con circa 600-800 nuovi arrivi ogni giorno - per il personale disponibile sull’isola è praticamente impossibile effettuare nello stesso tempo l’identificazione dei migranti e il pattugliamento delle frontiere. 

Fonte: La Stampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grecia, tensione a Kos: scontri tra migranti e polizia

Today è in caricamento