Venerdì, 22 Ottobre 2021
A campione o a tappeto

Green pass e smart working dal 15 ottobre: come funzionano i controlli sul lavoro

L'accertamento può essere svolto a tappeto all'ingresso della sede lavorativa o a campione, "prioritariamente nella fascia antimeridiana lavorativa"

Mentre è in arrivo il nuovo decreto per aumentare le capienze massime di discoteche, cinema e stadi (il provvedimento dovrebbe arrivare oggi pomeriggio sul tavolo del Consiglio dei ministri), con l'ultimo decreto il governo ha esteso dal prossimo venerdì 15 ottobre l'obbligo di green pass a tutti i lavoratori, sia pubblici che privati, con il rischio di multe salate per chi non dovesse rispettare la norma. Per ottenere la certificazione, come ormai noto, è necessaria almeno una delle tre condizioni seguenti: aver fatto il vaccino anti covid; essere guariti dal covid negli ultimi sei mesi; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore.

Cosa cambia in sostanza e come funzionano i controlli sul lavoro? Le linee guida della presidenza del Consiglio, inviate nei prossimi giorni in tutte le sedi della pubblica amministrazione, specificano che senza green pass non sarà possibile lavorare nemmeno da casa in smart working, "in sostituzione della prestazione non eseguibile in presenza". Senza certificato verde Covid-19, potranno entrare solo gli utenti dei servizi e chi è esente da vaccinazione per motivi di salute. Fuori restano non solo i dipendenti non ancora vaccinati, ma anche quelli nella medesima condizione che lavorano presso ditte esterne per servizi come mensa, pulizie o manutenzione.

Green pass a lavoro: controlli a tappeto o a campione

Anche i visitatori, le autorità politiche e i componenti di giunte e assemblee degli enti locali devono avere il green pass: chi resta a casa è assente ingiustificato, conserva il posto ma non percepisce lo stipendio, non matura ferie e non gli vengono versati i contributi previdenziali. I controlli spettano al dirigente apicale, che a sua volta affida ad altri il compito materiale di effettuarli. E come avverranno? L'accertamento può essere svolto a tappeto all'ingresso della sede lavorativa o a campione, "prioritariamente nella fascia antimeridiana lavorativa". Per la verifica automatizzata all'ingresso, specificano le linee guida del governo, verranno "gradualmente" resi disponibili dei pacchetti software.

In caso di controlli a campione le linee guida specificano che questi, anche attraverso l'utilizzo della app VerificaC19, dovranno avere cadenza giornaliera, "in misura percentuale non inferiore al 30 per cento del personale in servizio, assicurando che il controllo sia effettuato con un criterio di rotazione, su tutto il personale dipendente". In caso di lavoratori esterni, in formazione o volontari, il controllo spetta all'amministrazione e l'allontanamento scatta immediatamente, anche se l'assenza del certificato dovrà essere segnalata subito al datore di lavoro.

Fonte: La Stampa →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass e smart working dal 15 ottobre: come funzionano i controlli sul lavoro

Today è in caricamento