Sabato, 18 Settembre 2021

Turismo del macabro all'Hotel Rigopiano: estesi i divieti d'accesso

Cogne, Avetrana, Novi Ligure, Erba: il turismo del macabro, uno dei fenomeni più incomprensibili della contemporaneità, mette ora nel mirino l'Hotel Rigopiano di Farindola

Cogne, Avetrana, Novi Ligure, Erba: il turismo del macabro, uno dei fenomeni più incomprensibili della contemporaneità, mette ora nel mirino l'Hotel Rigopiano di Farindola. Il 18 gennaio scorso una valanga travolse la struttura ai piedi del Gran Sasso uccidendo 29 persone. 

Nella zona, come racconta IlPescara, è iniziato da tempo il fenomeno del "turismo del macabro" con decine di persone (in alcuni casi addirittura una cinquantina contemporaneamente), che arrivano fino a Rigopiano per osservare da vicino il luogo della tragedia.

Pochi giorni fa il sindaco Lacchetta è stato costretto a chiedere alla provincia di estendere il divieto di accesso lungo la strada provinciale che conduce proprio a Rigopiano fino a valle, per evitare che carovane di curiosi possano non solo arrivare fino all'Hotel Rigopiano ma soprattutto generare problemi di viabilità ai residenti di Farindola e della zona.

In questa fase l'area viene sorvegliata dalla Polizia locale e dai dipendenti comunali, mentre fino a qualche mese fa era presente una pattuglia dei carabinieri 24 ore su 24. 

Il sindaco incalza l'ente provinciale affinchè possa essere restituito l'uso e l'accesso della piana di Rigopiano ai residenti con la contestuale riapertura della strada provinciale che conduce fino a Campo Imperatore.

Fonte: Il Pescara →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo del macabro all'Hotel Rigopiano: estesi i divieti d'accesso

Today è in caricamento