Domenica, 24 Ottobre 2021

Il testimone di giustizia distrutto dallo Stato: "Vendo tutto e vado via"

"In uno Stato normale e civile - scrive Ignazio Cutrò sulla sua pagina Facebook - i diritti dei testimoni di giustizia sarebbero rispettati. Ma il nostro non è uno stato normale e civile"

Poche parole. Lasciamo che a parlare sia direttamente lui, Ignazio Cutrò, testimone di giustizia. La sua storia l'abbiamo raccontata qui. Ora ci limitiamo a riportare il suo sfogo su Facebook.

"Non ci sono più le condizioni per rimanere in Italia. E' una grossa perdita a livello morale e, soprattutto, di dignità. Ho dovuto fare ritornare i miei figli dagli studi, quando invece questo diritto avrebbe dovuto garantirlo lo Stato. Economicamente non ce la faccio più. Sono arrivato dove ho potuto. Lo Stato mi ha sempre negato un aiuto. Non mi sento un perdente. Credo di essere uscito con la schiena dritta. Rilancerò sempre il messaggio di denunciare. Ma questo non è lo Stato che mi aspettavo. Mi aspettavo una presa di posizione dal ministro Alfano, che tra l'altro è agrigentino, che avrebbe potuto dare una svolta nel mondo dei testimoni". 

cutro (1)-2

Fonte: Agrigento Notizie →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il testimone di giustizia distrutto dallo Stato: "Vendo tutto e vado via"

Today è in caricamento