Sabato, 18 Settembre 2021

Ecco cosa ha fatto Igor in dieci giorni prima di iniziare a uccidere: "Inspiegabile"

Iniziò metodicamente a disconnettersi dal mondo: lo scrive il Corriere della Sera. Tra il 10 e il 21 marzo 2017 ha disattivato schede telefoniche, chiuso vari account di siti internet e app: "Ma perché tagliare tutti i contatti con il mondo se i suoi delitti non sono stati premeditati?"

Dieci giorni prima di iniziare a uccidere, Igor il Russo, vero nome Norbert Feher, iniziò metodicamente a disconnettersi dal mondo: è quel che emerge da un lungo articolo pubblicato oggi dal Corriere della Sera. Le indagini hanno rivelato un dettaglio che appare "inspiegabile" agli stessi inquirenti. 

Il super ricercato tra il 10 e il 21 marzo 2017 ha disattivato schede telefoniche, chiuso vari account di siti internet e app di messaggistica. Prima ha oscurato i suoi profili sui social network, in primis Facebook, poi con metodo ha disdetto tutte le schede telefoniche che aveva a disposizione. Da quel momento ha evitato accessi a Internet che richiedessero password.

Qualcosa non torna. Le mosse di Igor potrebbero avere un senso se fossero state fatte dopo gli omicidi di Davide Fabbri e Valerio Verri. Ma perché tagliare tutti i contatti con il mondo se i suoi delitti non sono stati premeditati? 

Quale può essere la spiegazione di un voler scomparire così sistematico in un momento in cui il sedicente Igor era già mister nessuno?

Sì, Igor era latitante per alcune vecchie rapine, ma nessuno lo stava più cercando. Lo sapeva, e aveva continuato a vivere lì nel Ferrarese senza temere nulla. Resta quindi inspiegabile per gli inquirenti ciò che Norbert Feher ha fatto tra il 10 e il 21 marzo.

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecco cosa ha fatto Igor in dieci giorni prima di iniziare a uccidere: "Inspiegabile"

Today è in caricamento