Lunedì, 8 Marzo 2021

"Se vieni ancora al lavoro con quei brufoli ti licenzio": pubblica su Facebook il messaggio del capo

Emily McNamara, 15 anni, ha pensato a una scherzo

Emily M., 15 anni, ha pensato a una scherzo, ha riletto quel messaggio più e più volte. Alla rabbia e alla tristezza si è poi succeduto lo sdegno. "Se vieni ancora al lavoro con quei segni sarai licenziata". Emily, una studentessa di 15 anni,  ha ricevuto un avvertimento via messaggio dalla "manager" della caffetteria dove lavora part-time. Il capo non approvava presunti "succhiotti" sul collo. Si tratta di una forma di acne con cui Emily fa i conti da tempo, come tanti adolescenti. Succede ad Accrington, nel Lancashire.

Insultata sul web per i brufoli, la blogger risponde con un video commovente 

Il capo, una donna, li definiva "segni inaccettabili" e ha detto a Emily che così rischiava di essere licenziata. Inoltre l'ha accusata di essersi presentata ancora ubriaca una mattina al lavoro: accuse totalmente infondate, la ragazzina era stata tutta la nonna sveglia per accudire la nonna.  Emily, che aveva iniziato da poco a lavorare in caffetteria, si è dimessa. Sua mamma, Tracey Yates, 33 anni, quando ha visto il messaggio è andata su tutte le furie, e attraverso Facebook ha reso pubblica la vicenda: "Emily è una gran lavoratrice e un'ottima studentessa".
 

Fonte: The Sun →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Se vieni ancora al lavoro con quei brufoli ti licenzio": pubblica su Facebook il messaggio del capo

Today è in caricamento