Domenica, 25 Luglio 2021

Vanessa Marzullo: "Io e Greta torneremo in Siria"

"Le accuse mi scivolano via, sono solo beghe politiche". E poi le parole che più faranno discutere, poco ma sicuro: "Io e Greta torneremo in Siria, ma quanto fango contro di noi. Da due mesi vivo in un guscio"

Parla per la prima volta dopo il rapimento Vanessa Marzullo, e lo fa in un'intervista alla Repubblica.

"Giusto - dice - essere state in silenzio per un po'. Le accuse mi scivolano via, sono solo beghe politiche". E poi le parole che più faranno discutere, poco ma sicuro: "Io e Greta torneremo in Siria, ma quanto fango contro di noi. Da due mesi vivo in un guscio".

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo sono state liberate il 15 gennaio 2015 dopo essere state rapite il 31 luglio 2014 ad Aleppo dagli jihadisti del Fronte al Nusra

"Oggi sto meglio - dice Vanessa a Repubblica - Va a giorni, anzi a momenti. Sono appena rientrata dopo dieci giorni in Calabria con mio padre e mio fratello Mario (Vanessa vive con la madre Patrizia Virga, ndr). Ci vuole tempo per tutto e sai che certe cose non puoi dimenticarle. Però lentamente provi a tornare alla normalità. Un concetto relativo se penso a tutto quello che è successo prima, durante, dopo. Anche dopo la liberazione".

Sono trascorsi 68 giorni. Sempre state in silenzio, lontane dai riflettori. Perché?
"Era giusto così. Ne avevamo bisogno noi e chi ci è stato e ci sta vicino. In questi due mesi è come se mi fossi riparata dentro un guscio: da una parte è stato istinto di autoprotezione. Dall'altra anche un po' di vergogna".

Per cosa?
"Vergogna non come la intendono tutti quelli che ci hanno buttato addosso palate di fango, gratuito e stupido. L'effetto di quel fango sta passando. Te lo togli via perché sai che è fango strumentale, nato più che altro da beghe politiche. La vergogna che intendo è un'altra. È andare in giro e vedere che uno ti guarda in faccia con l'aria di chi pensa: "Eccola, adesso è qua. Beata e tranquilla. Ma se non c'era lo Stato che pagava... Se non c'eravamo noi cittadini che pagavamo...". È una sensazione difficile da spiegare"

Fonte: La Repubblica →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vanessa Marzullo: "Io e Greta torneremo in Siria"

Today è in caricamento