Mercoledì, 23 Giugno 2021

Gli esplode l'iPhone in tasca: ustioni di secondo e terzo grado alla gamba

Il caso ha destato scalpore in New Jersey, Stati Uniti, per poi finire sui giornali di tutto il mondo. Il giovane è stato ricoverato per più di 10 giorni in ospedale

Foto tratta da WABC

L'iPhone gli è esploso in tasca, all'improvviso. Per Erik, 29 anni, un grosso spavento e ustioni di secondo e terzo grado alla gamba. Ora la palla passa in mano ai legali: il caso ha destato scalpore in New Jersey, Stati Uniti, per poi finire sui giornali di tutto il mondo. Il giovane è stato ricoverato per più di 10 giorni in ospedale.

Ma procediamo con ordine. Erik si era piegato sulle gambe per recuperare le chiavi di casa cadute a terra: in quel momento l'iPhone è esploso: "Subito ho avvertito un bruciore intenso, ha incominciato a "frizzare" e del fumo usciva dalla tasca - racconta. Non riuscivo a togliermi il telefonino dalla tasca così ho dovuto strapparmi i pantaloni".

Oggi l'ustione di terzo grado alla coscia sinistra è in via di guarigione. I media locali scrivono che la Apple sta indagando sull'incidente, Erik dal canto suo pensa seriamente a un'azione legale contro la compagnia: "E' vero, è successo una sola volta, ma è una volta di troppo. Cosa sarebbe successo se fosse capitato a un bambino?", dice il legale di Erik Johnson.

Fonte: Ktla.com →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli esplode l'iPhone in tasca: ustioni di secondo e terzo grado alla gamba

Today è in caricamento